Cellai: "Parcheggi, residenti penalizzati nei giorni dei concerti"

Il consigliere comunale di Forza Italia: "Molti non riescono a posteggiare la propria auto. Eventi di queste dimensioni devono essere gestiti meglio"


"La rassegna Firenze Rocks che si tiene al Visarno fino a domenica sta creando pesanti disagi ai residenti che non riescono a posteggiare le proprie auto e che di fatto rimangono prigionieri dei veicoli lasciati ovunque dai partecipanti ai concerti che richiamano migliaia di persone. Oggi ne sarebbero attesi 60.000. Ben vengano le iniziative musicali di livello ma bisogna farsi trovare pronti per accogliere tante persone contemporaneamente. Cosa è stato predisposto dall’Amministrazione Comunale per fronteggiare la domanda di sosta ed evitare l’emergenza?". Lo chiede Jacopo Cellai, consigliere comunale di Forza Italia, che prosegue: "Per accogliere questi numeri, peraltro nel pieno della stagione turistica, è indispensabile attivare forme efficaci di comunicazione anche con pannelli autostradali che invitino i visitatori a lasciare le auto presso il parcheggio scambiatore di Villa Costanza per utilizzare la tranvia fino alle Cascine evitando l’assalto della città, oppure reperire in via straordinaria spazi di parcheggio ad hoc. Eventi di queste dimensioni, che rappresentano occasioni anche interessanti per la città, devono essere gestiti in modo da non penalizzare i residenti del distretto urbano più vicino alle Cascine dove per 4 lunghi giorni non è possibile neppure spostare l’auto per mantenere lo spazio sosta duramente conquistato. Sono previsti servizi straordinari della Polizia Municipale? Ricordo peraltro che se fosse oggi stato pronto il parcheggio scambiatore di circa 1500 posti previsto nei pressi dello scalo aeroportuale a fianco della fermata del tram sarebbe stato possibile convogliare i visitatori diretti alle Cascine sulla linea 2 della tranvia limitando ulteriormente i disagi. Bisogna - conclude Cellai -  avere le capacità adeguate per fare i grandi eventi".

Redazione Nove da Firenze