Rubrica — Mostre

2019: più visitatori alle Gallerie degli Uffizi e al Giardino di Boboli nei primi 4 mesi

Vola la formula ticket dell'abbonamento 'Passepartout 3 Days', che consente di visitare gli Uffizi, palazzo Pitti, il giardino di Boboli e il museo Archeologico nazionale di Firenze nel giro di tre giorni


(DIRE) Firenze, 3 mag. - Boom di visitatori alle Gallerie degli Uffizi e al Giardino di Boboli nei primi quattro mesi del 2019.

Rispetto al 2018 l'aumento e' stato del 12,3%, con +149.019 visitatori, pari a 1.364.430 rispetto ai 1.215.411 del 2018. La crescita riguarda in particolare Palazzo Pitti (+26,3%) e Boboli (+21,7%). Crescono anche gli Uffizi: +3%. Considerando le varie festivita', sono andate particolarmente bene quella del 25 aprile, con un +34,6%, pari a +5.191 ingressi, per un totale di 20.204 presenze, a fronte dei 15.013 visitatori del 2018. Bene anche il Primo maggio con 14.828 visitatori: +22,4% sullo scorso anno, ovvero 2.715 accessi in piu'. Discorso a parte per i giorni della Pasqua: nel 2018 fu il primo aprile e coincise con la prima domenica del mese, dunque ad ingresso gratuito, "e per questo motivo non puo' essere efficacemente raffrontata a quella dell'anno in corso, caduta in una giornata ordinaria, con ingresso a pagamento", si spiega dal museo. "E' per questo motivo, infatti, che nel 2019 si registra un calo del 20,4% con -13.943 visitatori rispetto all'anno scorso". Tuttavia, se si mette a confronto Pasqua 2019 con quella 2017 (anche in quel caso giornata di ordinario ingresso a pagamento), e prendendo come periodo di riferimento le tre giornate della festivita' (vigilia, Pasqua e Pasquetta), emerge un aumento complessivo dell'8,9% dei visitatori: 54.546, mentre due anni fa erano stati 50.099.

Vola, infine, la formula ticket dell'abbonamento 'Passepartout 3 Days', che consente di visitare gli Uffizi, palazzo Pitti, il giardino di Boboli e il museo Archeologico nazionale di Firenze nel giro di tre giorni (al costo 38 euro). Nel primo quadrimestre sono stati venduti 31.043 abbonamenti, equivalenti ad una crescita del 81,5% rispetto all'anno precedente. "I nostri numeri crescono ancora", commenta il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt. "Ad essere sempre piu' frequentati sono palazzo Pitti e il giardino di Boboli: dunque la politica di decentramento dei nostri visitatori verso questi spazi per riequilibrare i flussi nel complesso degli Uffizi funziona e continua a dare risultati sempre piu' robusti". (Dig/ Dire)

Redazione Nove da Firenze