Bomba d'acqua nel Chianti: esonda Ema a San Polo

Un'onda d'acqua travolge la frazione alle porte del capoluogo toscano


Monitoraggio in atto su Ema, su Era nei territori di Volterra e Molino d'Era, e sul torrente Galegno a Torrita di Siena e Sinalunga (Si) dove i violenti temporali del pomeriggio hanno provocato allagamenti e esondazioni. Nelle località interessate sono a lavoro i tecnici dei Geni civili.

 Il torrente Ema esonda nel pomeriggio a San Polo, frazione di Greve in Chianti. Vigili del fuoco sul posto assieme ad altre unità di soccorso per fornire aiuto alla popolazione. Il torrente sarebbe salito di 3 metri nel giro di un'ora attorno alle 16 e 30. 

Paolo Masetti, sindaco di Montelupo Fiorentino esprime "Solidarietà al Sindaco Paolo Sottani e alla sua comunità per l'esondazione del Torrente Ema a San Polo" ed aggiunge  "Associazioni di volontariato del nostro territorio, dotate di idrovore, sono state attivate e si sono recate sul posto".

 Maltempo sulla Toscana. Difficoltà anche nei pressi di Volterra, qui ad esondare è stato un altro torrente che ha riversato fango ed acqua sulle vie di comunicazione. Alcune località sarebbero al momento isolate. 

La macchina della Protezione civile a tutti i livelli, comunale provinciale e regionale, è attivata e sono in corso le operazioni di pronto intervento.

Dal Lamma le ultime previsioni meteo indicano fenomeni in attenuazione per il resto della serata e il Centro Funzionale regionale, pur mantenendo l'attenzione al monitoraggio, non si aspetta a breve nuovi innalzamenti dei livelli dei corsi d'acqua.

Intanto a San Polo, nel comune di Greve, dove alle 17.00 si sono verificate gravi esondazioni, si lavora per togliere l'acqua dagli scantinati allagati e ripristinare la situazione. Sono impegnate le squadre del Genio civile, del volontariato (Misericordia di Badia a Ripoli e del Galluzzo e la Croce Rossa di Firenze) e i Vigili del fuoco che stanno sorvolando il territorio per controllare l'estensione dell'allagamento.

Redazione Nove da Firenze