Biglietteria chiusa, caos alla stazione di Borgo San Lorenzo

Treni, dura protesta del Comitato Pendolari del Mugello: "Code interminabili alle macchinette, una si è addirittura guastata", Appello a Regione e sindaci: "Continuiamo o facciamo qualcosa?"


Primo giorno del nuovo mese, primo giorno di caos alla stazione di Borgo San Lorenzo. Lo racconta con un comunicato, breve ma pepato, il Comitato Pendolari del Mugello. "Nonostante gli annunci dell’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli, della consigliera regionale Fiammetta Capirossi e dei sindaci del Mugello la biglietteria della stazione di Borgo San Lorenzo resta chiusa. E stamani, primo giorno del mese, è stato caos. Lo raccontano gli stessi pendolari nella nostra pagina Facebook. Code interminabili davanti alle due sole macchinette, una accetta solo carte di credito, e una che a un certo punto si è guastata.Basta questo per dire che abbiamo ragione e la biglietteria non va chiusa? E’ possibile - prosegue il comunicato - sottostare ancora al ricatto di Trenitalia, un azienda con migliaia di dipendenti che non riesce a trovare una sostituzione per mezza giornata cinque giorni alla settimana? Ma se invece di mandare il giovanotto con il gilet rosso che dovrebbe insegnarci a usare la macchietta mandavano un bigliettaio non era meglio? Assessore, consiglieri, sindaci il trattamento che vi riserva Trenitalia non è in questo caso diverso da quello che riserva a noi. Vi prende in giro. Continuiamo o facciamo qualcosa?", domandano concludendo i pendolari del Mugello.

Redazione Nove da Firenze