Bando vaccinatori Asl Toscana Centro, interviene Nursind

Giannoni: “Nessun veto da noi ma poco rispetto per la categoria degli infermieri. Intervenendo su base volontaria i lavoratori non sono coperti sulla responsabilità professionale dal punto di vista assicurativo”


Firenze, 28 gennaio 2021 – “Non abbiamo imposto alcun veto, né inviato alcun documento ufficiale contro il bando avanzato dall’Asl Toscana Centro e poi ritirato in fretta e furia, che avrebbe dovuto aggregare una squadra di volontari per la campagna di vaccini in corso. Ma l’intera operazione manifesta poco rispetto per la categoria degli infermieri”. E’ quanto dichiara Giampaolo Giannoni, segretario Nursind Toscana.

“Contrariamente a quanto riportato da alcuni organi di stampa – sottolinea Giannoni – ci siamo limitati a far notare l’incoerenza del bando proposto. C’è un grande problema assicurativo: se si interviene su base volontaria, viene meno la copertura assicurativa sulla responsabilità professionale”.

“Forse è valutando istanze come questa – aggiunge il segretario Nursind - che l’Asl Toscana Centro stessa ha deciso di ritirare il bando, anziché per questioni meramente economiche. Seppur anche queste hanno un peso: il Governo autorizza le singole Aziende sanitarie a integrare con ulteriori risorse economiche il piano per i vaccini anti-Covid. Un’opportunità da cogliere, a nostro avviso, per cercare quantomeno di andare incontro ai lavoratori del Sistema Sanitario Regionale, messi già a dura prova da una lunga emergenza e da una endemica carenza di organico”, conclude Giannoni.

Redazione Nove da Firenze