Moby Prince. Le iniziative per non dimenticare

A 22 anni dalla tragedia in cui persero la vita 140 persone. Da domani martedì 9 e mercoledì 10 aprile, cerimonie commemorative, teatro di impegno civile e staffetta podistica


TRAGEDIA —
Livorno non dimentica la tragedia del Moby Prince e anche quest’anno, dopo 22 anni da quella serata del 10 aprile 1991 in cui persero la vita 140 persone, si celebrerà la ricorrenza con cerimonie di rito ma anche con momenti spettacolari e sportivi. L’intento è appunto “non dimenticare” e mantenere vivo il ricordo di quella tragedia che si consumò a poca distanza dalla nostra costa.

Funzione religiosa in cattedrale , ricevimento dei familiari delle vittime a palazzo comunale, lancio delle rose in mare: tutti appuntamenti di rito che da più di vent’anni appunto si ripetono ogni 10 aprile , ma anche spettacoli teatrali e video per riflettere sui motivi per cui di fatto la morte di 140 persone rimane ancora oggi senza colpevole.

E saranno proprio gli spettacoli ad aprire il programma che avrà inizio già da domani martedì 9 aprile.

Martedì 9 aprile

Al Teatro C (via G.M.Terreni) sono previsti due appuntamenti:

Ore 17.30. Proiezione video dello spettacolo MT Moby Prince di Francesco Gerardi, uno spettacolo teatrale di impegno civile presentato dalla compagnia La Nave Europa che rivolge la propria ricerca artistica attorno ai conflitti irrisolti della contemporaneità. Lo spettacolo è andato per la prima volta in scena al teatro Goldoni nel 2006 per poi essere rappresentato negli anni successivi a Milano, Torino, Reggio Emilia, Firenze ed in numerose altre località.

Ore 21.30 . Spettacolo teatrale 1991 il fatto non sussiste di Francesca Talozzi. Anche questo uno spettacolo di teatro di impegno civile che propone una sorta di “viaggio nella memoria” a distanza di 22 anni.

Mercoledì 10 aprile

Ore 10 . Inaugurazione della sede dell’Associazione “140” in via G.M. Terreni n.2 (ex palazzo di vetro) e proiezione presso il Teatro C (sempre in via Terreni) del docu-film Ventanni di Francesco Sanna. Il film documentario fu presentato in anteprima nazionale lo scorso anno da Mediaxion Società Cooperativa. Protagonisti del film quattro familiari delle vittime (Loris Rispoli, Angelo Chessa, Giacomo Sini e Mauro Filippeddu) stimolati ad un percorso di confronto e incontro a vent'anni dalla tragedia che incrociò le loro vite.

Ore 12. Cattedrale, funzione religiosa

Ore 15.30. Palazzo Civico, Sala Consiliare, saluto del sindaco alle Autorità ed ai familiari delle vittime

Ore 16.30. Partenza corteo dal Palazzo Civico al Porto

Ore 17.15. Presso l’Andana degli Anelli, deposizione del cuscino di rose del Presidente della Repubblica, lettura dei nomi delle vittime, lancio di rose in mare.

• Staffetta podistica

Le rose da gettare in mare saranno portate da gruppi di podisti che, partendo da Cascina, effettueranno mercoledì 10 aprile la tradizionale staffetta "Una data da non dimenticare", la manifestazione sportiva che tiene vivo il ricordo del tragico rogo della nave . Anche quest’anno la manifestazione, organizzata dai vari gruppi podistici della Regione, vedrà la partecipazione di oltre cento atleti che si alterneranno lungo i vari tratti prima di giungere al piazzale Moby Prince di Livorno, intorno alle ore 17.15 di mercoledì. I centri interessati all'attraversamento della staffetta sono Cascina, Vicopisano, Calcinaia, Pontedera, Ponsacco, Lari, Crespina, Fauglia, Collesalvetti, Stagno e Livorno.

Redazione Nove da Firenze