Inaugurata la nuova pavimentazione in pietra di piazza S. Trinita

Il Sindaco Renzi: “Una via non solo dello shopping ma della cultura”. Entro la fine di giugno la conclusioni dei lavori in tutta la via Tornabuoni


FIRENZE — Il sindaco Matteo Renzi ha inaugurato oggi la nuova pavimentazione in pietra di piazza Santa Trinita e del primo lotto via Tornabuoni, nel tratto compreso tra via della Porta Rossa e via della Vigna Nuova. I lavori per completare tutta la rinnovata pavimentazione della via proseguiranno dal 20 gennaio 2013: entro la fine di marzo si concluderanno i lavori nel tratto fino al ponte Santa Trinita. Entro fine giugno, invece, si completeranno i lavori per la restante parte di via Tornabuoni. Per l’intervento, in totale, è stato previsto un costo di 1 milione di euro.

“Entro il 24 giugno, per San Giovanni - detto Renzi - termineremo il secondo lotto: contiamo di regalare di nuovo via Tornabuoni alla città. La pavimentazione in pietra, anche se io avrei voluto togliere anche i marciapiedi, cambia il sapore e la vita di questa via. Torniamo allo stato naturale di via Tornabuoni, una via non solo dello shopping ma della cultura, perché sono tanti i luoghi culturali che questa via esprime. Qui prima era un’autostrada, oggi è un luogo della cultura”. “La vera scommessa adesso sarà aprire Palazzo Strozzi fino a mezzanotte - ha proseguito Renzi -, farlo vivere di iniziative culturali: è tutto il centro della città che sta recuperando sapore. Naturalmente questo lavoro va avanti con la nostra attenzione per le periferie, per i nostri interventi non soltanto nel centro”.

Ci sono voluti 152 giorni di lavoro per realizzare la riqualificazione. Gli operai, mediamente 11 al giorno, hanno lavorato dal 21 luglio al 18 dicembre, spesso anche il sabato e sempre nel mese di agosto. I lavori sono stati realizzati da: Polistrade costruzioni generali S.P.A. Firenze Lavori S.R.L. I 2140 metri quadri di pavimentazione della via sono stati realizzati in pietraforte albarese punzecchiata con i bordi schiantinati posata a lisca di pesce proveniente dall’Appennino romagnolo(Fc) fornita dalla Ditta F.lli Bianchi di San Piero in Bagno. I 1140 metri quadri di marciapiedi sono stati lastricati in pietra serena proveniente da Firenzuola fornita dalla Ditta Berti Sisto & C. località Alberaccio. I posatori del lastrico sono in forza a due ditte specializzate: Compagnia della pietra di Prato, C.R.G. di Montepulciano.

(ldb)

Redazione Nove da Firenze