Toscana, contributi per chi ha avuto la casa distrutta o danneggiata nel 2011

Stanno per essere erogati i contributi a chi ha avuto la casa distrutta o danneggiata dall’alluvione del 2011. Il presidente della Regione Toscana nonché commissario per la ricostruzione Enrico Rossi ha firmato l’ordinanza con cui vengono ripartite le risorse


ALLUVIONE — FIRENZE – Stanno per essere erogati i contributi a chi ha avuto la casa distrutta o danneggiata dall’alluvione del 2011. Il presidente della Regione Toscana nonché commissario per la ricostruzione Enrico Rossi ha firmato l’ordinanza con cui vengono ripartite le risorse, oltre 4 milioni di euro, che saranno suddivise tra le 201 famiglie che le hanno richieste. L’ordinanza prevede che sia concessa la percentuale massima di contributo prevista e cioè il 100% per gli immobili distrutti e il 75% per gli immobili danneggiati.

“Abbiamo cercato di impegnare il massimo possibile di risorse per sostenere chi nell’alluvione ha perso un bene primario come la casa o lo ha visto gravemente danneggiato” evidenzia il presidente. “Questo provvedimento – continua – completa il quadro di azioni intraprese per il sostegno ai cittadini più direttamente danneggiati dalla furia delle acque. Abbiamo iniziato con la liquidazione dei contributi per le auto e le moto distrutte (quasi 2 milioni di euro) e proseguito con i fondi per le imprese danneggiate (oltre13 milioni). Ora tocca alle case. Il lavoro di ricostruzione continua senza sosta, ma nella consapevolezza di aver scandito un’altra tappa importante”.

Sono 201 i beneficiari del contributo per ripristinare case distrutte o danneggiate dalla furia dell’alluvione. La maggior parte sono nel comune di Aulla (127), gli altri distribuiti nel resto della Lunigiana: 28 a Mulazzo, 15 a Pontremoli, 13 a Podenzana, 10 a Filattiera, 7 a Villafranca, 1 a Tresana. Dei 4 milioni e 161 mila euro che verranno erogati 1.582.000 saranno destinati ai proprietari di immobili distrutti e 2.579.000 a quelli di immobili danneggiati. La liquidazione del contributo da parte dei Comuni potrà avvenire a seguito della presentazione, da parte dei richiedenti, della documentazione delle spese sostenute.

Contestualmente a questa ordinanza il presidente ne ha firmata anche un’altra che riguarda la liquidazione delle somme anticipate dagli enti locali per effettuare gli interventi di somma urgenza. A seguito della conferma, da parte dell’Unione Europea, dell’assegnazione di un fondo di solidarietà per gli interventi in Lunigiana, il presidente ha stabilito di destinare gran parte di quelle risorse (circa 4,9 milioni sui 6 complessivi) ai comuni della Lunigiana, all’Unione dei comuni e alla Provincia di Massa-Carrara per i lavori eseguiti nella prima fase dell’emergenza.

Redazione Nove da Firenze