Firenze: Matteo Renzi alla Stazione Leopolda il 15, 16 e 17 novembre

Mancano 12 giorni alle primarie del centrosinistra


VIDEO — Siete pronti per la Stazione Leopolda? Da giovedì a sabato tre giorni di incontri e appuntamenti. Viva l'Italia viva. Sottotitolo: il meglio deve ancora venire. Si inizia alle 18 di giovedì 15 novembre. Tra gli altri l'intervento del Presidente dell'Anci Graziano Del Rio. E dopo le polemiche sulla cena con i finanzieri matteo Renzi fa intervenire Davide Serra, il finanziere dello scandalo. Venerdì si riparte dalle 18 alle 23: tra gli altri parleranno Alessandro Baricco e Oscar Farinetti. Sabato si chiude con l'intervento del candidato, previsto verso le 16, che intende uscire dalla Stazione Leopolda con il programma fatto. Oltre che con un documentario di ventisei minuti sul viaggio in Italia.

Ieri il confronto TV. "Qualcuno dei miei stamani si è lamentato -racconta il sindaco di Firenze nella newsletter indirizzata ai sostenitori- Persino troppo, Matteo. Dovevi attaccare di più. Può darsi. A me invece è sembrato giusto posizionarsi con un atteggiamento di ascolto e rispetto, come del resto stiamo facendo dal primo giorno della campagna elettorale. Abbiamo le nostre proposte e anche ieri qualcosa siamo riusciti a dire. Meno di quello che volevo, certo. Ma i tempi stretti non aiutavano a elaborare posizioni complesse. Complimenti a SKY che ha raggiunto un bellissimo risultato e amarezza per la RAI che dopo i dati che ho dato nell'ultima enews sabato, si conferma incapace di usare queste primarie per svolgere un servizio pubblico. Comandano i portavoce di partito nei TG della Rai, a quanto pare... Nel metodo ero molto sereno: felice di vedere il centrosinistra discutere di questioni concrete. E spero che i tanti che pure non voteranno per me si toglieranno dalla testa l'idea di avere a che fare un "fascistoide" che va "contro le regole", così come mi ha etichettato il giornale di partito, L'Unità: ho idee diverse da loro, ma rivendico il diritto di stare a testa alta in un Partito che si chiama Democratico non a caso."

Redazione Nove da Firenze