Scandicci: cittadinanza onoraria ai ragazzi stranieri nati in Italia

Manifestazione per lo Ius soli, il 2 giugno


TOSCANA — Tutti i bambini e i ragazzi stranieri tra i 6 e i 18 residenti a Scandicci riceveranno l’attestato di cittadinanza onoraria nella mattina del prossimo 2 giugno, Festa della Repubblica. A consegnare gli attestati nella Sala consiliare Orazio Barbieri sarà il Sindaco Simone Gheri. La decisione di concedere ai ragazzi e ai bambini l’attestato di cittadinanza è del Consiglio Comunale, che il mese scorso ha approvato una mozione presentata dalla maggioranza di centrosinistra e da Rifondazione comunista, e approvata con i voti favorevoli di Pd, Idv, Ps e Prc, i voti contrari di Guido Gheri (Vop) e Alessandro Martini (gruppo misto Lega nord) e l’astensione di Giacomo Giacintucci (gruppo misto Fli), Giuseppe Stilo e Pierluigi Marranci (gruppo misto). I bambini e i ragazzi che riceveranno l’attestato sono 196.

“Abbiamo scelto di fare la cerimonia di consegna nel giorno della Festa della Repubblica, proprio per il forte significato che ha per tutti noi questa giornata – ha scritto il Sindaco Simone Gheri in una lettera alle famiglie dei ragazzi, con la quale invita genitori e figli all’appuntamento del 2 giugno - i vostri figli nella nostra Repubblica sono venuti alla luce, qui frequentano tutti i giorni la scuola, i giardini pubblici, le strade, le piazze, i luoghi e i servizi che appartengono a tutti noi. Con il suo voto il Consiglio Comunale ha voluto dare un segno e portare il proprio contributo nel dibattito politico nazionale, con la convinzione che sia necessario approvare una nuova legge sulla cittadinanza, perché venga riconosciuta ai bambini che qui nascono e crescono”.

La presa di posizione del Consiglio Comunale è a favore dello Ius soli, ovvero il diritto alla cittadinanza in base alla nascita sul suolo nazionale, mentre attualmente in Italia è in vigore lo Ius sanguinis, che basa quel diritto in relazione alla cittadinanza dei genitori.
“Questa iniziativa è del tutto simbolica e non ha alcun valore giuridico – è spiegato nella lettera del Sindaco alle famiglie - dunque non darà seguito all’acquisizione di tutti quei diritti connessi alla cittadinanza, ma vuole essere un forte segno di vicinanza di questa amministrazione. L’attestato di cittadinanza onoraria, che verrà rilasciato ai vostri bambini, non è dunque un documento ufficiale, ma vuole rappresentare l’effettiva premessa al pieno riconoscimento di coloro che si sentono italiani, vivono nella nostra città, studiano nelle nostre scuole e sono parte integrante della vita della nostra società”.

Redazione Nove da Firenze