Spending review regionale, on line i risultati. Largo alle idee dei cittadini

Spending review regionale: i cittadini potranno dire la loro. L'iniziativa è stata presentata oggi dal presidente Enrico Rossi nel corso di una conferenza stampa.


ON LINE — Da questa mattina infatti è on line sul sito della Regione una pagina in cui oltre ad essere esposti i risultati già raggiunti e gli obiettivi per il futuro, è offerta a tutti la possibilità di inviare al governo regionale proposte, suggerimenti o segnalazioni direttamente tramite un messaggio di posta elettronica. L'iniziativa è stata presentata oggi dal presidente Enrico Rossi nel corso di una conferenza stampa.

"Nel 2011 abbiamo ottenuto risparmi per 44 milioni, a cui si aggiungono 160 milioni di recupero dell'evasione fiscale - ha detto il presidente Rossi - Questo significa oltre 200 milioni a disposizione per finanziare la spesa sociale, la scuola, la cultura, per cercare di far sentire di meno ai cittadini e alle famiglie i tagli del governo. Sono certo che più che tagliare la spesa sia necessario qualificarla e questo è quello che abbiamo fatto e continueremo a fare anche nel 2012, anno in cui pensiamo di ricavare con l'attività di spending review altri 50 milioni. Se i cittadini vorranno scriverci, aiutandoci a raggiungere l'obiettivo, ne saremo ben contenti".

Nelle pagine del sito viene dato conto del metodo utilizzato dal Laboratorio MeS della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e dall'Irpet, che sono stati incaricati dalla Regione di impostare e realizzare l'attività di spending review, dei primi risultati ottenuti in termini di risparmi e degli interventi decisi da avviare. Eccone una sintesi.

QUELLO CHE ABBIAMO FATTO
Meno dipendenti. Nel 2011 sono stati risparmiati 2,4 milioni per stipendi e contributi. Il blocco del TurnOver fa risparmiare 3,7 milioni l'anno.
Tagli agli stipendi di direttori e dirigenti. E' stato applicato il contributo di solidarietà del 10% sugli stipendi dei direttori generali della Regione e delle Asl. Ridotto del 50% il premio di produttività ai direttori generali
Risparmio stimato: 1,1 milione
Minori spese di gestione. Nel 2011 sono stati spesi 23,8 milioni per formazione, incarichi e Co.co.co, utenze e manutenzione, spese generali, a fronte dei 25,4 del 2010, con un risparmio complessivo di 1,6 milioni.
Risparmi sugli affitti . Nel 2011 è stata decisa la riorganizzazione delle sedi, per ridurre e in prospettiva azzerare le spese di affitto. Nel 2011 risparmiati oltre 530mila euro. A regime saranno 1,2 milioni l'anno.
Mostre, convegni e pubblicità. Si è passati da 6,8 milioni del 2009 a 1,5 milioni del 2011 (-80%). Risparmiati 5,3 milioni.
Sedi all'estero chiuse . Rimane aperta solo la sede istituzionale di Bruxelles. Risparmiati 404 mila euro.
Cancellate 17 tra aziende, enti e fondazioni. Risparmiti 8,6 milioni solo per le Apt.
Società partecipate e fondazioni. Ridotto del 10% il compenso ai membri dei Cda delle società partecipate: Ala Toscana, la società che gestisce l'aeroporto dell'Elba, Firenze Fiera, Logistica Toscana, Terme di Casciana, Terme di Montecatini, Terme di Chianciano, Toremar e Fidi Toscana.
Ridotto del 5% il contributo per il funzionamento di enti dipendenti, aziende ed enti del servizio sanitario.
Ridotti del 15% i contributi alle fondazioni
Risparmio ottenuto: 3,5 milioni.
Meno consulenze. Dal 2005 al 2011 consulenze ridotte del 90%. Dal 2010 al 2011 sono state dimezzate.
Risparmio ottenuto (dal 2005): 7 milioni 127mila euro.
Rigore nei costi delle politica. Presidente, assessori e consiglieri hanno gli stipendi più bassi d’Italia, viaggiano in seconda classe in treno e in aereo in economy o lowcost. Dal 2009 al 2011 ridotte del 60% le spese per le missioni di giunta e personale. Risparmio ottenuto: 900 mila euro.
Eliminato il vitalizio per i consiglieri regionali, ridotto da 65 a 55 il numero dei consiglieri (e da 55 a 40 a partire dalla prossima legislatura) e degli assessori da 14 a 10 (e da 10 a 8 a partire dal 2015). Risparmio ottenuto: 2 milioni di euro l’anno
Eliminate anche le indennità a tutti i membri dei Cda di enti ed agenzie regionali, sostituita con un gettone di presenza di 30 euro a seduta. Risparmio ottenuto nel 2011: 170.000 euro.
Mutui più leggeri. Nel 2009 e 2010 estinti anticipatamente i mutui contratti. Risparmio ottenuto: 10,5 milioni nel 2011 e 11,6 milioni nel 2012.
Lotta all'evasione fiscale. Nel 2011 recuperati 160,4 milioni di euro di tasse evase, + 43% rispetto al 2009. Nel 2012 recuperati 13 milioni (solo nel primo trimestre). A fine anno stimato un + 74%.

QUELLO CHE FAREMO
Acquisti centralizzati. Obiettivo: ridurre la spesa del 7%.
Via le auto blu. Il presidente Rossi ha deciso di rinunciare alla Mercedes di rappresentanza per viaggiare, d'ora in poi, con una Fiat Punto a metano 1400 di cilindrata. Risparmio previsto: circa 46 mila euro l'anno
Auto di servizio (utilitarie Punto e Panda): l'obiettivo è quello di ridurre il parco del 20%, da 142 a 114 veicoli. Risparmio previsto: 250 mila euro. Anche le Asl, le Agenzie e gli Enti dovranno ridurre il parco auto del 20%, utilizzare mezzi a benzina o diesel, rottamare i vecchi veicoli o riconvertirli a metano, utilizzando, quando possibile, mezzi alternativi e privilegiando il trasporto pubblico. Risparmio previsto: 7 milioni di euro.
Dipendenti in campo per salvare scuola e sanità per tutti. L'obiettivo è quello di arrivare a un risparmio del 10% in tutti i settori della Regione, grazie all'impegno di tutti i dipendenti.

Redazione Nove da Firenze