Firenze: single scatenati

Un lucchetto per beffare Cupido


SAN VALENTINO — Single a San Valentino e con il rischio di rimanere a casa a deprimersi davanti alla tv? Assolutamente no. Gli spiriti liberi fiorentini approfittano della festa degli innamorati per festeggiare l’orgoglio della loro condizione. A Firenze, infatti, Speed Date, società specializzata nell’organizzazione di feste per single, organizza una serata speciale per permettere agli “scoppiati” di divertirsi e fare amicizia. L’appuntamento è al Café de Paris, in piazza Dalmazia alle ore 21.00. Il locale, noto per ospitare interessanti serate musicali nel week end, metterà a disposizione il suo ambiente raffinato per gli “scoppiati”. Nel locale caldo ed elegante si terrà il Lock Date, una variante del più classico Speed Date. Alle donne verrà consegnato un lucchetto, agli uomini una combinazione, scopo del gioco sarà trovare la chiave giusta per aprire le porte ad una nuova amicizia. Per ogni lucchetto aperto verranno messi in palio fantastici premi e buoni vacanze.“Il gioco del lucchetto è solo un pretesto per permettere ai partecipanti di conoscersi e fare amicizia, scambiando qualche battuta. In questo modo anche coloro che non sono in coppia hanno l’occasione di divertirsi e trascorrere una bella serata” spiega Giuseppe Gambardella, fondatore di Speed Date e Speed Vacanze, tour operator specializzato in viaggi per single. Le serate Speed Date vengono organizzate non solo a San Valentino, ma anche durante tutto il resto dell’anno per permettere agli spiriti liberi di socializzare. L'invenzione del gioco è da accreditarsi al Rabbino Yaacov Deyo che per favorire gli incontri fra correligionari ebrei di Los Angeles organizzò nel 1998 il primo speed date della storia, al Pete's Café di Beverly Hills. Il fenomeno ha avuto poi grande notorietà in Italia, grazie alle famose scene di speed dating in Sex and the City e ne L'Amore è Eterno finché dura di Carlo Verdone. Ma chi sono i single che prendono parte agli Speed Date? Si tratta soprattutto di persone tra i 25 e i 45 anni, sia uomini che donne, residenti per lo più nelle grandi città. Secondo gli organizzatori i partecipanti cerano soprattutto nuove amicizie o una serata diversa dal solito. Nel 75% dei casi le amicizie proseguono anche al di là della singola serata. “Un tempo si pensava che i single vivessero San Valentino in maniera negativa, in realtà, da un bel po’ di anni, non è più così. Sono molti coloro che approfittano della serata degli innamorati per uscire in compagnia degli amici e cimentarsi in qualche conquista” chiarisce Giuseppe Gambardella.

Redazione Nove da Firenze