Pinocchio al Mercato di San Lorenzo compie 130 anni

L'opera di Lorenzini compie gli anni ed i festeggiamenti avranno luogo nel capoluogo toscano a partire dalle ore 9 in via Taddea, al civico 21, per poi trasferirsi all'interno del Mercato Centrale e concludersi in Palazzo Vecchio


TRADIZIONI — Le Avventure di Pinocchio, o meglio "Storia di un burattino" compie 130 anni da quel 7 luglio 1881. La celebrazione avrà luogo a Firenze dalle ore 9 con la deposizione di una corona di fiori in via Taddea, 21. Poi la manifestazione avrà luogo all'interno del Mercato Centrale di San Lorenzo con il "Percorso Pinocchio Tricolore". Il primo piano dell'edificio, nato anch'esso in quello stesso periodo per mano dell'Architetto Mengoni che per realizzarlo si ispirò al modello francese utilizzando ghisa e vetro, sarà interamente dedicato all'evento.
Dalle 16 in Palazzo Vecchio spazio al dibattito "Lorenzini giornalista e.. il Grillo Parlante nei Media" alla presenza di numerose autorità.

"Non è una materia da cerimonia - spiega il presidente del Consiglio comunale, Eugenio Giani - ma utile per una provocazione culturale. Celebriamo l'uscita del primo episodio della saga di Pinocchio, che significa fiorentinità. Il lavoro svolto da Lorenzini sulla lingua toscana è stato importante. Collaboratore dell'Accademia della Crusca fu chiamato anche a far parte del comitato per la reazlizzazione del vocabolario toscano.
Carlo Lorenzini scelse lo pseudonimo riprendendolo dal paese di nascita della madre, il borgo di Collodi, nome che poi fece il giro del mondo fino a diventare più importante de3l nome stesso tanto che il nipote, autore di Sussi e Biribissi diventerà noto come "Collodi nipote", ma nasce in via Taddea e molto di Pinocchio arriva dalla vita dei fiorentini. Il Borgo di Castello, di proprietà della famiglia Ginori rientra a pieno titolo nella narrazione della storia"

"Come giornalista ha vissuto aspetti evocativi della nostra storia. Arriva alla letteratura dell'infanzia in tarda età anche per subliminare i desideri che non si avverano, periodo in cui, profondamente fiorentino, vive la vita quotidiana della società di allora"

L’ ‘Associazione culturale Pinocchio di Carlo Lorenzini’, presieduta dall’onorevole Monica Baldi, il presidente del Quartiere 1 Stefano Marmugi, l’assessore all’educazione Rosa Maria Di Giorgi e il presidente del consiglio comunale Eugenio Giani hanno colto al volo l’occasione per dedicargli una serie di eventi per grandi e piccini, presentati questa mattina a Palazzo Vecchio insieme Antonia Ida Fontana, presidente del comitato scientifico dell’ ‘Associazione culturale Pinocchio di Carlo Lorenzini’.
A partire dalla grande festa dedicata ai ragazzi, più di un centinaio, che frequentano i centri estivi del Comune, che si svolgerà il 7 luglio (dalle 9,30) al primo piano del Mercato Centrale di San Lorenzo. Ci saranno giochi, laboratori, letture, teatro di burattini con i Pupi di Stac, musica e giochi per bambini. Verranno ricreate le scene del libro: l’Osteria del Gambero Rosso, l’Albero degli Zecchini, esposizioni di disegni, dipinti per ricreare l’atmosfera della favola.

Dalle 10 è previsto il dibattito al quale prenderanno la parola l’assessore Di Giorgi, il presidente Marmugi, l’onorevole Baldi. La giornata prevede anche altri appuntamenti: alle 9 ci sarà la deposizione di una corona di fiori alla casa dove è nato Carlo Lorenzini, in via Taddea e si proseguirà nel pomeriggio nel Salone dei Duecento, a partire dalla 16, con il dibattito ‘Lorenzini giornalista e il Grillo Parlante nei media’ al quale interverranno il presidente del consiglio comunale Eugenio Giani, il vicesindaco Dario Nardella, esponenti della Provincia e Regione e fra gli altri, il direttore de ‘La Nazione’ Giuseppe Mascambruno, il direttore del Corriere Fiorentino Paolo Ermini e Daniele Magrini, direttore di Toscana Tv.

«E’ giusto e doveroso – ha detto Giani- valorizzare il legame di Pinocchio con Firenze e il suo territorio. Lorenzini nacque e visse a Firenze. Erroneamente lui e il suo celebre romanzo sono stati identificati con il volgo pesciatino di Collodi pseudonimo scelto perché Collodi era il paese natale della mamma di questo grande scrittore. Lorenzini visse profondamente la Firenze di quel periodo, raccontando, come giornalista, i giorni del plebiscito, soffrendo come cittadino per la speculazione edilizia».
«Il tributo che Firenze vuole dare a Pinocchio – ha aggiunto il presidente Giani – è un atto bellissimo, un modo per rievocare le vicende del burattino che così tanto ha insegnato e continuare ad insegnare. E l’ ‘Associazione culturale Pinocchio di Carlo Lorenzini’ ha fatto un lavoro importante confermandosi a pieno titolo come un soggetto istituzionale».

«Non è affatto vero che un bambino di sei, o di otto anni, sia inesorabilmente schiavo della televisione e dei giochi elettronici – ha sottolineato l’assessore Di Giorgi – i vogliono divertirsi, muoversi, spostarsi, viaggiare nella fantasia; ed è perfettamente possibile persuaderlo che leggere, ad esempio, Pinocchio, è molto più divertente che stare seduti, cogli occhi sbarrati, davanti a uno schermo televisivo o a un computer».
«Ma c’è molto di più nell’opera di Lorenzini, qualcosa che ci ricollega direttamente al 150° dell’Unità – ha aggiunto Rosa Maria Di Giorgi - ‘Voglio subito imparare a leggere: domani poi imparerò a scrivere, e domani l' altro imparerò a fare i numeri’ dice Pinocchio. Anche il motivo della scuola, dunque, è alla base di questo capolavoro. Non c’è solo la storia di un burattino ma la traduzione letteraria dell’esigenza di costruire una coscienza nazionale attraverso l’istituzione dell’obbligo scolastico. Un’esigenza che, come amministratori, sentiamo ancora oggi: allora la questione da risolvere era l’analfabetismo, per noi l’impoverimento della scuola pubblica».

Redazione Nove da Firenze