Corsi di sci, snow e fondo col gruppo CAI di Firenze

Il Gruppo Sci CAI - Club Alpino Italiano di Firenze, in collaborazione con il Quartiere 2 di Firenze, organizza sulle piste dell'Appennino Tosco-Emiliano (Corno alle Scale e Cimone) corsi di sci e snowboard per principianti e di perfezionamento.


SPORT INVERNALI — In questo prossimo inverno il Gruppo Sci CAI - Club Alpino Italiano di Firenze, in collaborazione con il Quartiere 2 di Firenze, organizza sulle piste dell'Appennino Tosco-Emiliano (Corno alle Scale e Cimone) corsi di sci e snowboard per principianti e di perfezionamento a vari livelli, per bambini e adulti.

I corsi che inizieranno domenica 23 gennaio 2011, saranno articolati in quattro domeniche e un fine settimana, e tenuti da maestri della Scuola Italiana di Sci Freestyle. Tali corsi saranno preceduti da opportuni incontri teorici, e termineranno con il weekend 26-27 febbraio 2011 con gara di fine corso.
Il viaggio sarà effettuato in pullman riservato.

Oltre ai corsi di sci sono in programma uscite domenicali e weekend in Appennino, Capodanno al Monte Cimone, tour del Tirolo a gennaio. Alle varie iniziative possono partecipare soci e non soci del CAI, anche singolarmente e senza aderire all’intera programmazione.

Inoltre la sottosezione CAI di Scandicci organizza un corso di sci di fondo per principianti e per chi già conosce le nozioni base, ma desidera migliorarsi.
 
Per informazioni ed iscrizioni

CAI - Club Alpino Italiano
Via del Mezzetta 2/M
Firenze
Tel. 055/6120467
Email: scicai@caifirenze.it
www.caifirenze.it
www.scicaifirenze.it

Sottosezione CAI di Scandicci,
Via Monti 18/d
Scandicci
Tel. 3209098602
Email: scandicci@caifirenze.it


Qualche consiglio dal Corpo Forestale dello Stato
Grazie al Meteomont, un servizio garantito dal Corpo forestale dello Stato e dal Comando delle Truppe Alpine, con la collaborazione del Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare, gli abitanti della montagna, gli sciatori e i turisti, possono conoscere nel dettaglio le condizioni del manto nevoso e decidere se esistono o meno le condizioni di sicurezza per un’escursione.

Tuttavia è fondamentale seguire scrupolosamente alcuni preziosi consigli per frequentare la montagna innevata senza incorrere in spiacevoli sorprese:


  • Ogni sciatore/snowboarder deve comportarsi in modo da non mettere in pericolo la persona altrui o provocare danno;

  • Ogni sciatore/snowboarder deve tenere una velocità ed un comportamento adeguati alle proprie capacità nonché alle condizioni generali e del tempo;

  • Lo sciatore/snowboarder a monte, il quale, per la posizione dominante, ha la possibilità di scelta del percorso, deve tenere una direzione che eviti il pericolo di collisione con lo sciatore a valle;

  • Il sorpasso può essere effettuato tanto a monte che a valle sulla destra o sulla sinistra, ma sempre a una distanza tale da consentire le evoluzioni dello sciatore/snowboarder sorpassato ed evitando di incrociare le traiettorie del sorpassato;

  • Lo sciatore/snowboarder che si immette su una pista o attraversa un terreno di esercitazione, deve assicurarsi, mediante controllo visivo a monte e a valle, di poterlo fare senza pericolo per sé e per gli altri. Lo stesso comportamento deve essere tenuto dopo ogni sosta.

  • Lo sciatore/snowboarder deve evitare di fermarsi, se non in caso di assoluta necessità, sulle piste ed in specie nei passaggi obbligati o senza visibilità. In caso di caduta lo sciatore deve liberare la pista nel più breve tempo possibile;

  • Lo sciatore/snowboarder che risale la pista deve procedere soltanto ai bordi di essa ed è tenuto a discostarsene in caso di cattiva visibilità. Lo stesso comportamento deve tenere lo sciatore/snowboarder che discende a piedi la pista;

  • Tutti gli sciatori/snowboarder devono rispettare la segnaletica della pista.

  • Chiunque deve prestarsi per il soccorso in caso di incidente; l’omissione di soccorso è un reato dal 2003 in base alla legge sulla sicurezza dello sci;

  • Chiunque sia coinvolto in un incidente o ne sia testimone è tenuto a dare le proprie generalità;

  • È buona norma che lo sciatore/snowboarder non curvi sul bordo della pista ma lasci sempre uno spazio sufficiente per agevolare il proprio sorpasso;

  • Bisogna prestare attenzione alle traiettorie degli sciatore/snowboarder, in considerazione del tipo di sci utilizzato, snowboard, telemark, fun carving.



Sulle piste da sci ricordarsi di tenere sempre una velocità adeguata alle proprie capacità fisiche e tecnico-sciistiche, moderando la velocità quando la pista è affollata ed in prossimità di cambiamenti della pendenza, curve, dossi e buche. Attenzione in caso di nebbia e bassa visibilità, in quanto cambia sensibilmente la percezione della profondità della pista e delle distanze che determinano la perdita di conduzione e di controllo degli scii e potrebbe essere un pericolo per sè e per gli altri.

Si consiglia a tutti gli escursionisti nonché alle amministrazioni e agli enti locali di consultare quotidianamente i bollettini meteonivologici pubblicati sul sito www.meteomont.org o attraverso il numero di emergenza ambientale 1515 del Corpo forestale dello Stato.

Redazione Nove da Firenze