Due giovani denunciati per furto e ricettazione

In seguito alla segnalazione della vittima di uno di furti ai militari veniva comunicato un indizio importante: lo stridore di una cinghia del motorino di avviamento di un veicolo utilizzato dai ladri per darsi alla fuga.


PRATO — Nella nottata i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia CC di Prato hanno denunciato due giovani, un italiano ed un albanese regolare in Italia, i quali si sono resi protagonisti di una sequenza di furti che hanno colpito veicoli in sosta parcheggiati sulla via pubblica ed in un caso anche all'interno dell'area box privata di un condominio.

In seguito alla segnalazione della vittima di uno di furti ai militari veniva comunicato un indizio importante: lo stridore di una cinghia del motorino di avviamento di un veicolo utilizzato dai ladri per darsi alla fuga.

Proprio questo particolare ha consentito ai carabinieri di intercettare non molto distante una Fiat 500 rubata poche ore prima i cui occupanti, appena scorta la presenza della "gazzella", si sono dati a precipitosa fuga. Ne è scaturito un rocambolesco inseguimento conclusosi poco dopo con la cattura dei due.

Stupore e amarezza per le famiglie dei giovani denunciati per furto pluriaggravato e continuato in concorso nonché ricettazione, increduli davanti alle gravi contestazioni dei carabinieri per i furti seriali commessi nell'arco di poche ore con l'abile utilizzo di un semplice coltello a serramanico.

Redazione Nove da Firenze