Arrivano due nuove piste ciclabili nella periferia nord di Firenze

La delibera della Giunta riguarda i progetti esecutivi per via Baracca e via Signorelli


Si amplia ancora la rete delle piste ciclabili. La giunta comunale nell’ultima seduta ha dato il via libera a un altro tassello della riqualificazione ed estensione dei percorsi dedicati alle due ruote. É stata infatti approvata, su proposta dell’assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti, la delibera dei progetti esecutivi di due nuove piste in via Baracca-via Baracchini e via Signorelli per complessivi 1,750 chilometri e un investimento pari a 870mila euro finanziato nell’ambito del programma europeo PON Metro.

“Si conferma l’attenzione dell’Amministrazione comunale per la mobilità dolce e nello specifico per quella ciclabile - sottolinea l’assessore Giorgetti -. Questi due progetti rappresentano infatti un tassello importante della riqualificazione e ampliamento della rete ciclabile cittadine e seguono lo schema della Bicipolitana, già condivisa con le associazioni dei ciclisti. In particolare quella di via Baracca che consentirà una importante implementazione sulla direttrice nord-sudc connettendo gli esistenti itinerari della zona Peretola-Piagge con la direttrice Novoli e quindi i viali di circonvallazione”.

Via Baracca-via Baracchini

In dettaglio l’intervento in via Baracca prevede un nuovo percorso ciclabile, caratterizzato da tratti in sede propria, in sede separata su marciapiede e altri ancora di tipo promiscuo per un totale di un chilometro. Una scelta motivata sia dalle dimensioni delle strade interessate sia per l’esigenza funzionale di garantire l’accesso alle fermate dei bus e alle isole ecologiche. Sarà creato un nuovo attraversamento ciclo-pedonale, con marciapiedi ad uso promiscuo, in corrispondenza del viadotto del Ponte all’Indiano, in continuità con l’attuale percorso (sempre promiscuo) proveniente dal centro abitato di Brozzi-Peretola. A valle la pista si svilupperà in sede separata su marciapiede, lato carreggiata, con la realizzazione di un nuovo cordonato in allargamento del percorso pedonale esistente. Previsti anche il riassetto della corsia preferenziale in uscita città senza variazioni sulla viabilità attuale, degli incroci con via Vecchi e via Montegrappa. In tutto il precedente tratto di fatto non cambia l’assetto funzionale delle corsie di via Baracca nei due sensi di circolazione. Superata l’intersezione Montegrappa-Barco, grazie alla maggiore larghezza della piattaforma stradale, è possibile ampliare (dai precedenti 2 a 2,5 metri) la ciclabile separata su marciapiede. La pista proseguirà su via Baracchini dove il percorso ciclabile sarà realizzato in sede propria lungo la strada, si svilupperà su 320 metri con una larghezza di 2,5 metri. Sarà separata dalla carreggiata stradale con un cordolo del tipo già utilizzato in altre piste ciclabili cittadine. La sosta sarà mantenuta anche grazie alla trasformazione dei posti in linea in lisca. Nell’ultimo tratto, in raccordo alla pista esistente su via di Novoli, il percorso tornerà in promiscuo sul marciapiede anche per conservare i parcheggi in linea.

Via Signorelli

Il nuovo percorso ciclabile, della lunghezza di 430 metri, è prevalentemente in sede propria, con brevi tratti in sede separata su marciapiede lungo via Canova (per limitare l’impatto sull’attuale assetto viario) e all’innesto su via Martini (per mantenere un’adeguata larghezza della carreggiata stradale). Sono inoltre previsti alcuni tratti, sempre di lunghezza contenuta a uso promiscuo sul marciapiede in corrispondenza delle fermate bus. Il percorso in sede propria, largo 2 metri, sarà realizzato lungo il marciapiede ovest e sarà separato dalla carreggiata da un cordolo. Dal punto di vista della viabilità sarà mantenuto il doppio senso di marcia con la riorganizzazione degli stalli di sosta. Nello specifico dell’ultimo tratto in corrispondenza di via Simone Martini-Bartolo a Cintoia e del parcheggio (sede anche di un mercatino rionale), il progetto prevede l’attraversamento della pista sul lato est, proseguendo in sede riservata su marciapiede opportunamente allargato, per arrivare all’esistente attraversamento pedonale di via Simone Martini da dove è prevista la partenza di un nuovo itinerario sempre dedicato alle biciclette.

Redazione Nove da Firenze