Arrestato guidatore in stato di ubriachezza che aveva provocato un incidente

A Pisa condannato per direttissima a 9 mesi perché aveva opposto resistenza, oltre al ritiro della patente. Controlli e denunce anche in Valdarno


Guida in stato di ubriachezza, finisce contromano e urta un veicolo. Poi, all’arrivo della Polizia Municipale scappa e oppone resistenza. Arrestato, è stato processato questa mattina patteggiando 9 mesi di reclusione, pena sospesa perché incensurato, ritiro della patente e sanzione di 1.088,00 Euro per guida in stato di ebbrezza e rifiuto di sottoporsi ad accertamenti per alcool test. È successo sabato notte 10 agosto, a Pisa, quando il personale di Polizia Municipale interveniva per gli accertamenti e i rilievi di un sinistro in via Aurelia Sud – Ponte a Piglieri (nei pressi della Coop di Porta a Mare) dove un cittadino straniero, guidando contromano, aveva urtato un veicolo circolante nel senso opposto di marcia. Ma al momento di sottoporsi al test dell’etilometro, in quanto in evidente stato di ebbrezza, questi scappava a piedi e una volta fermato, si divincolava tentando di colpire, invano, gli agenti, anche a causa dell’instabilità dovuta allo stato di ebbrezza. Identificato, veniva accompagnato nei locali del comando e anche qui proseguiva a profferire frasi ingiuriose verso gli agenti e si rifiutava di sottoporsi ad alcool test. Il Magistrato di turno ne disponeva il trattenimento nella camera di sicurezza del comando fino al processo per direttissima. Si tratta di un cittadino straniero, imbarcato su un mercantile attualmente in Darsena presso un cantiere per piccoli interventi meccanici.

Numerose anche le denunce per guida in stato di ebbrezza, effettuate sia dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Valdarno, sia dai militari delle Stazioni di Castelfranco Piandiscò, Castelnuovo dei Sabbioni e Loro Ciuffenna. Questi hanno provveduto a denunciare in momenti diversi un operaio italiano incensurato, una pregiudicata italiana senza occupazione, un infermiere italiano anch’egli incensurato ed infine un operaio indiano senza precedenti penali a carico, poiché tutti e quattro come stati sorpresi alla guida delle proprie autovetture in evidente stato di ebbrezza ed una volta sottoposti ad accertamento tramite etilometro evidenziavano valori decisamente superiori a quelli consentiti dalle normative vigenti in materia. Tutti i veicoli sono stati sequestrati.

Nuovamente l’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di San Giovanni Valdarno, ha invece provveduto a deferire presso l’autorità giudiziaria un operaio con precedenti penali poiché trovato alla guida di un’automobile senza copertura assicurativa intestata alla compagna: poiché lo stesso era gravato dalla misura di prevenzione dell’avviso orale, si è contestato l’illecito penale anziché il solo illecito amministrativo.

Redazione Nove da Firenze