Allerta vento​: codice arancione in Toscana

 Appello del Presidente Enrico Rossi alla massima attenzione per gli incendi


 Dal pomeriggio di oggi forti venti di Grecale interesseranno la Toscana, con raffiche fino a 60-70 km/h sull'Alto Mugello; dalla tarda serata (intorno alle ore 21-22) vento forte da nord-est sulle zone appenniniche in estensione alle zone settentrionali della regione entro la mezzanotte e a tutta la regione nella giornata di domani, martedì. Attese raffiche fino a 120-150 km/h sui rilievi appenninici, fino a 80-100 km/h su Arcipelago, Amiata, Colline Metallifere e litorale, e fino a 70-90 km/h altrove.

Chiusura di parchi e giardini pubblici ad accesso regolamentato, dei cimiteri comunali e “sospensione delle attività cimiteriali con l’esclusione di quelle considerate improrogabili e urgenti” così ha deciso il sindaco Dario Nardella, con un'apposita ordinanza. Domani è anche sospesa “l’attività di vendita e somministrazione su suolo pubblico che si tiene al mercato settimanale delle Cascine”. L'ordinanza vieta anche “qualunque attività all’aperto nei giardini e parchi delle scuole di ogni ordine e grado provviste di alberature”. Il sindaco Nardella raccomanda inoltre “di non frequentare le aree verdi liberamente accessibili”.  Alle 21 sarà attivato il Centro operativo comunale della protezione civile.

 Fino alla mezzanotte di martedì tutto il territorio metropolitano fiorentino (codice giallo invece in Mugello-Val di Sieve e Romagna Toscana) escluse le aree Mugello-Val di Sieve e Romagna-Toscana dove sarà in vigore il codice giallo. Previsti venti e forti raffiche.

Lo comunica la Sala operativa unica della protezione civile regionale precisando che, sulla base di queste previsioni, è stato emesso un codice arancione dalle 21 di oggi fino alla mezzanotte di domani, martedì 26 marzo, su tutta la Toscana, ad esclusione delle zone del nord-est e del nord-ovest, dove il codice è giallo per la stessa durata di tempo. I principali rischi sono collegati al crollo di alberi, alla caduta di sassi e strutture pericolanti.

Condizioni climatiche avverse, che favoriscono anche lo svilupparsi di incendi, come avvenuto nello scorso fine settimana in varie località della Toscana. Il presidente Enrico Rossi ricorda ancora una volta che la Regione ha deciso di vietare fino al 31 marzo su tutto il territorio l'abbruciamento di residui vegetali agricoli e forestali. "L'organizzazione antincendi boschivi regionale - sottolinea Rossi - ha attivato i massimi livelli di allerta operativi in tutte le province. Dalle 21 di oggi è previsto un nuovo aumento del vento con codici arancione e giallo che interessano tutta la Toscana e quindi rinnovo l'appello alla massima attenzione e collaborazione a tutti i cittadini, perché ciascuno si senta responsabile di fronte al rischio di incendi e diffonda l'informazione per quanto è nelle sue possibilità. N el fine settimana appena trascorso i Carabinieri forestali hanno elevato sanzioni per la mancata osservanza del divieto in corso e questo significa che molte persone non si curano dei divieti né hanno a cuore l'ambiente in cui vivono, nonostante l'immane calamità che solo pochi mesi fa ha colpito i Monti Pisani".

Nel fine settimana le squadre antincendio boschivo della Regione Toscana sono dovute intervenire su incendi scoppiati varie località della regione, i più importanti nel pistoiese e a Fucecchio. A Stiappa e Pontito, nel comune di Pescia (Pt), sono bruciati 17 ettari di bosco e su entrambi continuano le operazioni di bonifica delle squadre dell'organizzazione Aib regionale. A Fucecchio sono bruciati 50 ettari di bosco e una decina di squadre sta eseguendo le operazioni di bonifica che proseguirà anche nei prossimi giorni, vista l'entita del territorio interessato. Un nuovo incendio di vegetazione e cespugliato è partito stamani sul Monte Corchia, nel comune di Stazzema (Lu). Sul posto opera un elicottero del sistema regionale, mentre alcune squadre di volontari del Cvt e di operai forestali dell'Unione dei Comuni Versilia st anno cercando di arrivare sull'incendio nonostante la difficoltà del luogo particolarmente impervio.

La Regione ricorda che oltre al divieto di abbruciamento di residui vegetali, nel periodo a rischio (di cui al Regolamento forestale della Toscana n. 48/2003) è vietata qualsiasi accensione di fuochi, ad esclusione della cottura di cibi in bracieri e barbecue situati in abitazioni o pertinenze e all'interno delle aree attrezzate. Anche in questi casi vanno comunque osservate le prescrizioni del regolamento forestale.

La mancata osservanza delle norme di prevenzione comporta l'applicazione di pesanti sanzioni previste dalle disposizioni in materia. Imprenditori agricoli e privati cittadini sono invitati a tenere comportamenti prudenti nelle attività agricolo-forestali astenendosi da qualsiasi accensione di fuoco. Si sottolinea l'importanza di segnalare tempestivamente eventuali focolai al numero verde della Sala operativa regionale 800.425.425 o al 115 dei Vigili del Fuoco

Livorno, 25 marzo 2019 - Il centro funzionale della Regione toscana ha diramato un’allerta meteo arancione a partire da questa sera alle 21 e fino alle 23.59 di domani, martedì 26 marzo.
In particolare, per quanto riguarda la costa toscana, sono previste raffiche di vento fino a 100 chilometri orari.
Per questo motivo, a scopo precauzionale, la vicesindaco Stella Sorgente ha firmato un’ordinanza contenibile e urgente per disporre la chiusura per l’intera giornata di domani delle scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio comunale.
L’ordinanza rimarrà in vigore fino al termine del periodo di allerta e prevede anche la chiusura dei cimiteri comunali, dei parchi pubblici e dei centri diurni per anziani autosufficienti, non autosufficienti e per disabili.

Redazione Nove da Firenze