Abbandono scolastico, Grieco: "2020 anno della disuguaglianza educativa?"

"Pacchetto Scuola": le domande di contributo si presentano ai Comuni


“Come Regione Toscana abbiamo investito molto, in questi anni, per far sì che tutti i ragazzi concludano il loro percorso di studi arrivando almeno a una qualifica. I risultati si vedono. Il dato Eurostat per l’anno 2019 conferma, per la Toscana, la tendenza positiva. Il tasso di abbandono scolastico, ossia la percentuale di giovani tra i 18 ed i 24 anni con al più la licenza media, è stato del 10,4 per cento nel 2019, a fronte di una media italiana del 13,5 per cento. La Toscana è sostanzialmente allineata con l’obiettivo europeo per il 2020, malgrado sia partita, nel 2014, con un tasso di abbandono del 13,8 per cento, a fronte di una media europea, nello stesso anno, dell’11,2 per cento. Per noi è un grande orgoglio aver abbassato la dispersione, che poi è l’anticamera dell’esclusione sociale, di circa il 30 per cento in pochi anni (il 3,4 sul 13,8 per cento iniziale, ndr). Il nostro impegno adesso è far sì che l’emergenza da Covid-19 non faccia peggiorare la situazione”. Lo afferma l’assessore ad Istruzione, formazione e lavoro della Regione Toscana, Cristina Grieco, che sull’impegno della Regione contro il diritto all’istruzione, tuttavia, fa notare un punto di allarme al quale la Toscana sta rispondendo in modo mirato: “Il 2020 rischia di essere l’anno dell’aumento delle disuguaglianze e della povertà educativa. A causa della chiusura delle scuole e della sospensione di tutte le attività educative e formative in presenza, infatti, i ragazzi con maggiori difficoltà rischiano di non riuscire a proseguire i loro percorsi a distanza, per ragioni familiari, economiche o sociali. Per questo la Regione sta mettendo in campo azioni straordinarie, p er monitorare costantemente la situazione ed intervenire, dove necessario, a tutela del diritto all’istruzione e alla formazione”.

Sono già stati assegnati, in questo periodo, 500 mila euro alle scuole per l’acquisto di tablet, computer ed altri dispositivi per la didattica a distanza da concedere in comodato gratuito agli studenti, 2 milioni di euro ai Comuni per la progettazione e la realizzazione dei centri estivi (esperienze educative e di socializzazione rivolte ai bambini e ai ragazzi, anche allo scopo di accompagnare chi ne avesse bisogno in un percorso di recupero scolastico, ndr), altri 364 mila euro agli istituti professionali e agli organismi formativi per l’acquisto dei tablet necessari agli studenti e alle studentesse interessate ad usufruire a distanza i percorsi di istruzione e formazione professionale, Iefp, inseriti nel programma Giovanisì per l’autonomia dei giovani, offrono un importante contributo, come attestano le ricerche dell’Irpet, al successo scolastico di chi sarebbe a rischio di dispersione. La Regione Toscana ha anche definito disposizioni straordinarie, collegate alla fase di emergenza, per consentire di portare a compimento i percorsi di Iefp, prevedendo la predisposizione di project work e progetti di impresa simulata, al posto degli stage, nonché lo svolgimento di esami a distanza, fino a quando non sarà possibile una ripresa della attività in presenza.

La Regione, inoltre, si è impegnata e si sta impegnando anche in altri progetti, come Leggere forte!, continua l’assessore toscana.
“Abbiamo adattato il progetto Leggere forte! alla circostanza straordinaria di questo periodo, mettendo a disposizione di bambini e ragazzi audio e video di letture ad alta voce a cui accedere in questo periodo di chiusura delle scuole e dei nidi”.

Per stabilire le modalità per la riapertura di nidi e scuole, ma anche per analizzare le problematiche che in questo periodo emergono in merito al loro funzionamento ed individuare le possibili soluzioni, la Regione Toscana ha infine istituito il Cantiere scuola Toscana, un tavolo di lavoro inter-istituzionale sulla scuola ed i nidi, al quale partecipano l’Ufficio scolastico regionale, l’Anci Toscana, Upi, Indire e l’Istituto degli Innocenti.

“Il Cantiere scuola metterà insieme le migliori competenze ed esperienze”, conclude l’assessore Grieco, “al fine di individuare le soluzioni più efficaci per conciliare il diritto all’educazione e alla socialità dei bambini e dei ragazzi, a partire dal periodo estivo, con la tutela della salute degli stessi, delle famiglie e di tutti gli operatori della scuola. Perché, ora più che mai, c’è bisogno di fare scuola-comunità”.

Famiglie e studenti con ISEE non superiore a 15.748,78 euro

Anche per l'anno scolastico 2020/2021 la Regione Toscana ha finanziato il "Pacchetto Scuola", un contributo economico per gli studenti a basso reddito che frequentano gli Istituti secondari di primo e secondo grado o un corso IeFP, contributo destinato a sostenere le spese necessarie per la frequenza scolastica e il diritto allo studio: libri scolastici, altro materiale didattico e servizi scolastici. Le famiglie interessate, o gli stessi studenti se maggiorenni, dovranno presentare la domanda indicativamente tra l'8 maggio e la seconda metà di giugno 2020, al proprio Comune di residenza, secondo il bando pubblicato in questi giorni da tutti Comuni della Città Metropolitana. Requisito è un ISEE non superiore a 15.748,78 euro. Tutti gli interessati sono invitati ad informarsi presso il proprio Comune di residenza, a prendere visione del bando e delle modalità previste per la richiesta del "pacchetto scuola", facendo particolare attenzione alla scadenza del proprio comune per la presentazione della domanda.

Redazione Nove da Firenze