Tamburello maschile: Mezzolombardo sempre primo


Solferino un po’ deluso al termine del confronto con il Fumane “avevamo Fedrighi non al meglio per un infortunio e SENZA Tommasi, una formazione quindi un zoppa - dice Spazzini –ma per fortuna abbiamo avuto uno straordinario Gianluca Marocchi, che ha fatto la differenza e così abbiamo portato a casa due punti. A pensare che nel ’95 con lui in squadra abbiamo vinto il tricolore di D. Bene anche Marcazzan”.
Che sia stata una bella partita lo sottolinea anche Busselli, che però vede un’occasione perduta “abbiamo cambiato sull’8-7 e quel gioco sarebbe stato nostro se non ci fosse stato l’infortunio a Boldo e con lui e Chesini sono due ora i giocatori fuori causa; siamo comunque riusciti a recuperare sul 12-10”.
Si conclude con una soddisfazione morale la visita del Bardolino al Callianetto Torino “ma solo quella; è andata male, abbiamo perso – dice Zantedeschi, che continua – abbiamo regalato tanto; eravamo 9-7, 40 pari e fin li sempre a condurre, poi siamo calati; abbiamo giocato bene, ci hanno fatto i complimenti; sapremo fare meglio; anche un po’ di sfortuna; hanno giocato molto bene Zeni, Tommasi e Zambetto”.
Commenta con amarezza la sconfitta ai punti del suo Sommacampagna Albertini e gli fa eco lo sponsor Della Bernardina “ci meritiamo di aver perso al tie-break – dicono insieme – perché abbiamo sprecato le occasioni per chiudere, l’ultima sull’11-9, 40-15; è mancata la determinazione”; “una vittoria che ci siamo guadagnati palla su palla – dice il presidente del Cavriana – e due punti guadagnati sono oro colato; ora, continua Tondini, l’importante è continuare; punta di diamante oggi il nostro Lorenzo, che ha svolto un grande lavoro; un po’ sottotono Coati”.
Il Callianetto torna alla vittoria superando il Castellaro “è stata una gara dura – dice Cassullo – ma finalmente ce l’abbiamo fatta, abbiamo vinto, abbiamo spezzato una catena; ora ci prendiamo una pausa che ci serve per riflettere e recuperare pensando il domani”.
Vince sudando il Mezzolombardo su un duro e coriaceo Ceresara non privo di fantasia “sono partiti forte – commenta Zoetti ­– ed abbiamo cercato di non farci sopraffare dall’irruenza dei nostri avversari: abbiamo cambiato di ruolo Bertagna con Beltrami e li abbiamo ripresi arrivando sul 10 pari, ma non di più; potevamo portare via almeno un punto – afferma –solo che avessimo avuto un pò di fortuna”. “E’ una squadra che merita – dice convinto Bert – e giocando così vale molto di più di quello che dice la classifica; oggi ci hanno fatto faticare non poco”.
Sudatissimo, combattuto il match Medole-Cremolino con i piemontesi che hanno tirato fuori una stupefacente grinta e che l’hanno spuntata risalendo da un terrificante 8-12.
Domenica prossima 6 luglio i campionati di A e B osservano un turno di riposo per consentire lo svolgimento a Segno (Trento) delle finali continentali della Coppa Europa open.
RISULTATI XVIII GIORNATA, OTTAVA DI RITORNO –
SERIE A – Medole-Cremolino 12-13 tie-break 3-8, Castellaro-Callianetto 9-13, Sommacampagna-Cavriana 12-13, tie-brek 5-8 (disputato sabato in notturna), Mezzolombardo-Ceresara 13-10,Callianetto Torino-Bardolino 13-9, Solferino-Fumane (disputato sabato in notturna) 13-12, tie-break 8-1.
Classifica – Mezzolombardo p. 49; Callianetto Torino p. 46; Sommacampagna p. 37; Solferino p. 36; Cremolino p. 30; Medole p. 29; Fumane p. 25; Ceresara p. 24; Cavriana p.23; Bardolino p.22; Callianetto p. 20; Castellaro, p. 2.
Prossimo turno, IX di ritorno, domenica 13 luglio, ore 16,30 – Cremolino-Callianetto, Cavriana-Castellaro, Ceresara-Sommacampagna, Bardolino-Mezzolombardo, Fumane-Callianetto Torino, Solferino-Medole.

Redazione Nove da Firenze