Calcio: Fiorentina - Avellino, una partita delicatissima per i viola


La quindicesima di campionato, nel turno serale infrasettimanale, propone un match che sulla carta sembra scontato.
L’Avellino tutto ritmo e difesa alta scende al Franchi, debole del suo ultimo posto in classifica insieme al Como.
Conosciamo le squadre di Zeman e ci sarà da aspettarsi una partita di fraseggi e verticalizzazioni veloci. Gli irpini non hanno niente da perdere dalla trasferta di Firenze.
Discorso completamente diverso per i padroni di casa. Dopo la Ternana e il Genoa, le esternazioni di Della Valle, i messaggi di solidarietà tra l’allenatore e la sua squadra, i viola tornano in campo per un unico risultato. Battere gli irpini e prepararsi mentalmente alla trasferta di domenica prossima a Messina. Ma non sarà così semplice.
La Fiorentina ieri con un comunicato ufficiale ha ribadito la sua fiducia a Cavasin. Anche la tifoseria organizzata ha espresso attestati di fiducia al mister e ai giocatori. Ma dal fischio d'inizio scatterà il cont down in attesa del gol viola che cancelli dubbi, malumori e voci su Guidolin. Le armi dei viola dovranno però essere la calma e l'attenzione, senza frenesie. La testa dovrà essere sul campo, e solo lì, senza distrazioni per tutti i novanta minuti di gioco.
Perché stasera per la Fiorentina sarà una serata così, a doppio taglio: se batteranno gli irpini i viola non avranno fatto niente di speciale. Con altri risultati tutto potrà accadere.
Sul fronte formazione Cavasin è deciso a far rientrare Bacis e Cherubini in difesa, escludendo Comotto e Ripa. A centrocampo vedremo le principali novità: assente Ariatti per squalifica, in previsione della difficile partita di domenica a Messina potrebbero riposare Manfredini e Maspero e rientrare Helguera, con Andreotti esterno di destra. Scaglia partirà dal primo minuto e Di Livio potrebbe spostarsi a sinistra.Comunque Cavasin attenderà l’ultimo instante prima di sciogliere i dubbi. Quindi questa la possibile formazione viola (4-4-2): Cejas - Maggio, Bacis, Lucarelli, Cherubini - Andreotti, Helguera, Scaglia, Di Livio - Riganò, Graffiedi.
Il boemo Zeman conferma invece il trio di attacco con il possibile inserimento di Nocerino al posto di De Simone. Da seguire con attenzione l’esterno Capparella, giocatore di classe e velocità che sta giocando molto bene. Questa la probabile formazione dei verdi irpini (4-3-3): Cecere - Maietta, Puleo, Contini, Moretti - Fusco, De Simone (Nocerino), Tisci - Millesi, Kutuzov, Capparella.
Arbitrerà l’incontro il Signor Preschern di Mestre.

A. Signorini

Redazione Nove da Firenze