Manager del cibo: un nuovo master dell’Università di Firenze


Nasce una nuova figura professionale nel mondo dell’alimentazione, un manager che non solo sa tutto sulla qualità e la sicurezza alimentare, ma che conosce e sa valutare anche gli aspetti del benessere e del gusto legati al cibo. Il nuovo “manager del cibo” sarà preparato da un Master proposto da quest’anno dall’Università di Firenze in Qualità alimentare e benessere.
Il Master punta ancora più avanti e mira ad approfondire le relazioni tra qualità alimentare, intesa nel senso più ampio del termine, come sicurezza, qualità organolettica del cibo, ecc., e benessere degli individui, sia esso salute psico-fisica, apprezzamento culturale del cibo, rispondenza a requisiti etici. Per questo si caratterizza per l’impostazione interdisciplinare: sono tre le Facoltà che con i propri docenti contribuiscono alle competenze del corso, Agraria, Farmacia e Medicina. I settori d’impiego di chi si specializzerà con il Master sono quelli della produzione, commercializzazione e grande distribuzione di beni alimentari, della ristorazione collettiva, della divulgazione ed educazione alimentare, della comunicazione alimentare. Il Master si propone anche come un’ottima opportunità di approfondimento per quanti già operino a vario titolo nella ricerca, nella produzione e nella divulgazione in ambito nutrizionale, come biologi, chimici, agronomi, farmacisti e medici. In particolare, la formazione fornita dal Master rappresenta un bagaglio culturale indispensabile per i medici, a cui sempre più spesso viene richiesto di supportare qualsiasi terapia con un adeguato “stile dietetico”.
Il nuovo percorso formativo ha già ricevuto il patrocinio del Parlamento Europeo e quello personale di Romano Prodi, e ha suscitato l’interesse delle aziende. Alcune (come Esselunga, Figurella, Carapelli e Centrale del Latte di Firenze) finanziano direttamente il master, ma molte altre, invece, hanno già accettato gli allievi per stages e tirocini: fra queste Barilla, Milupa, Granarolo, Panapesca, Fructamine, e altre nel campo della formazione, educazione e marketing alimentare.
A Firenze la ricerca nel campo dell’alimentazione ha raggiunto importanti sviluppi: un progetto europeo per 1.650.000 euro – si chiama in sigla TRUST e tratta anche della comunicazione del rischio alimentare e della fiducia dei consumatori verso i prodotti alimentari - è coordinato presso l’ateneo da Donato Romano.
Le domande di ammissione al master sono aperte fino al 15 novembre prossimo: 30 i posti disponibili, € 2000 la tassa d’iscrizione. Le lezioni si svolgeranno all’interno della Villa Demidoff a Pratolino, in nuovissime aule attrezzate.

Redazione Nove da Firenze