Rifiuti tossici in via Toscanini: esposto alla procura


Un esposto in procura sui rifiuti tossici accumulati in ex capannone industriale di via Toscanini sarà presentato dalla consigliera di Forza Italia Bianca Maria Giocoli. «Un atto dovuto - ha spiegato la Giocoli - vista la decisione dell’assessore Coggiola di lasciare al privato che ha acquistato l’area l’onere della bonifica». «In via Toscanini - ha spiegato la consigliera di centrodestra - col tempo si sono accumulati rifiuti di una società che produceva trasformatori elettrici per conto dell’Enel che dal 1996». «Da un sopralluogo Arpat del 1996 - ha aggiunto la consigliera di Forza Italia - è risultato in modo molto preoccupante che la ditta allora in piena attività produceva tutta una serie di rifiuti derivanti dalla produzione per i quali non aveva mai fornito all’Arpat la necessaria prova di un corretto smaltimento degli stessi. Questi rifiuti sono stati stoccati in dieci cisterne interrate e contengono scarti di vernice, filtri a secco esausti derivanti dalla verniciatura a solvente, contenitori vuoti di vernici e diluenti accumulati in vari punti dell’insediamento». «Rispondendo alla mia interrogazione - ha concluso la Giocoli - l’assessore Coggiola ha detto che toccherà al privato che ha acquistato l’area l’onore delle bonifica. Ma questa ipotesi non può essere accettata: la salute dei cittadini deve essere tutelata dall’amministrazione comunale con tutti mezzi a sua disposizione».

Redazione Nove da Firenze