VI Festival organistico Città di Camaiore


Domenica 24 giugno alle ore 21,15 - ingresso libero, presso la Chiesa della Badia di Camaiore si esibisce in concerto il maestro Lorenzo Ghielmi. Si tratta del primo appuntamento con la grande stagione estiva del "VI Festival organistico Città di Camaiore".
Lorenzo Ghielmi insegna organo e musica d'assieme presso la Sezione di Musica Antica della Civica Scuola di Musica di Milano e presso l'Hochschule für Musik di Trossingen (Germania). E' organista titolare dell'organo Ahrend della basilica milanese di S. Simpliciano, dove ha eseguito l'opera omnia per organo di J.S. Bach. Diplomatosi in organo, pianoforte e clavicembalo ha completato la sua formazione musicale presso la Schola Cantorum di Basilea, nella classe di Jean-Claude Zehnder; ha dedicato particolare studio al repertorio italiano, che ha approfondito con la guida di Luigi Ferdinando Tagliavini.
Premiato ai concorsi internazionali d'organo di Spoleto, Innsbruck e Groningen, ha tenuto concerti in tutta Europa, in Giappone e negli Stati Uniti, effettuando numerose registrazioni radiofoniche e discografiche come solista (Harmonia Mundi Deutsche, Nuova Era, Ars Musici) e con l'ensemble "il Giardino Armonico" (Teldec).
La sua ultima produzione discografica “Tintinnabulum”, dedicata all’opera per organo del compositore estone Arvo Pärt per l’etichetta Winter & Winter, ha avuto un notevole successo di pubblico e di critica. All'attività concertistica affianca la passione per la ricerca musicologica: ha pubblicato mottetti di Frescobaldi, musiche di autori milanesi e studi sull'arte organaria del XVI e XVII secolo e sull'interpretazione delle opere di Bach. E' stato più volte chiamato a far parte della giuria di concorsi organistici internazionali (Tolosa, Milano, Concorso svizzero dell'organo, Tokyo, Bruges, Freiberg, Maastricht, Pasian di Prato), e gli sono stati affidati conferenze e corsi di specializzazione presso numerose istituzioni musicali. E' inoltre professore onorario della Gregorius House di Tokyo.

Redazione Nove da Firenze