A Firenze nasce il nuovo polo scolastico 'Meucci Galilei'

​Il Sindaco Dario Nardella e l'Amministratore delegato Fabrizio Palermo firmeranno un protocollo lunedì 16 dicembre alle ore 15.30 nella Sala Pistelli di Palazzo Medici Riccardi. Dopo la ristrutturazione, inaugurata a Bagno a Ripoli l’ala est della scuola Redi


Lunedì 16 dicembre 2019, alle ore 15.30, nella Sala Pistelli Palazzo Medici Riccardi (Firenze, via Cavour 1), il Sindaco della Città Metropolitana di Firenze Dario Nardella e l'Amministratore delegato della Cassa Depositi e Prestiti Fabrizio Palermo, firmeranno oggi un Protocollo d'Intesa fra Cassa Depositi e Prestiti e la Città Metropolitana per la realizzazione del nuovo polo scolastico "Meucci Galilei" nel Quartiere 4 di Firenze.

A Bagno a Ripoli riapertura dell’ala est della scuola media Redi dopo l’intervento di miglioramento sismico accompagnato da un restyling architettonico-funzionale e di efficientamento energetico della struttura. Il taglio del nastro, giovedì, è stato affidato al sindaco della scuola, lo studente Emanuele Bonechi, accompagnato dai compagni con indosso la maglietta rossa della Redi. Accanto a loro e al sindaco Casini, l’assessore alla scuola Francesco Pignotti, la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Caponnetto Maria Luisa Rainaldi, il corpo docente e tutto il personale tecnico amministrativo della scuola. Il costo totale dei lavori è stimato in circa un milione di euro, comprensivi del rifacimento e consolidamento strutturale, della riqualificazione estetico-funzionale della struttura e la dotazione di nuovi materiali didattici. Tutte le parti della struttura sono state rafforzate, attraverso opere di rifacimento o di consolidamento. L’importo copre anche la realizzazione delle tre aule-laboratorio che ora vengono consolidate per usi didattici. L’operazione restituisce il blocco est della scuola totalmente rinnovato e adeguato strutturalmente, con il rifacimento dei servizi igienici e dieci aule che oggi vengono restituite completamente rinnovate. Una di esse, multifunzionale, verrà utilizzata per la scuola di teatro e altre attività. Alcuni spazi dell’ala ovest, riadattati ad aule per ospitare gli alunni in questi mesi di cantiere, verranno ripristinati durante le vacanze di Natale (quando verranno ultimati una serie di piccoli lavori edili) in modo da non intralciare lo svolgimento dell’attività didattica. Per la seconda tranche dei lavori che interesseranno l’ala ovest e completeranno il rafforzamento strutturale della scuola, il Comune ha già stanziato un primo pacchetto di risorse per 800 mila euro grazie all’accensione di un mutuo. Per evitare di impattare con le lavorazioni sullo svolgimento dell’attività didattica, l’intervento inizierà con l’ampliamento della struttura: i nuovi spazi saranno la base per la realizzazione del nuovo auditorium della scuola e in una prima fase serviranno ad accogliere temporaneamente le classi che saranno interessate dai successivi lavori di ristrutturazione sulla porzione ovest dell’edificio. Le fasi e le soluzioni progettuali e le tempistiche di avvio dei lavori saranno concordate dall’amministrazione comunale insieme alla scuola.

Redazione Nove da Firenze