Urbanistica: pianificazione, procedimenti prorogati

Consiglio Regionale: in commissione Ambiente passa la proposta di legge per estendere i termini di approvazione delle varianti


Firenze – Le difficoltà delle amministrazioni comunali a rispettare i termini per la formazione degli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica al centro della proposta di legge licenziata all’unanimità dalla commissione Ambiente del Consiglio regionale, guidata da Lucia De Robertis (Pd).


Considerato il permanere dello stato di emergenza sanitaria almeno fino al prossimo 31 gennaio 2021, la Toscana interviene prorogando i termini di rinnovo dei diversi procedimenti.
L'approvazione delle varianti al piano strutturale e al regolamento urbanistico, adottate entro il 27 novembre 2019, slitta dal 30 giugno 2020 al 30 giugno 2021, sempre che il Comune avvii il procedimento del nuovo piano operativo prima dell’approvazione delle varianti stesse.

Inoltre i termini dei procedimenti di formazione degli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica, previsti dalla legge 65 del 2014<http://raccoltanormativa.consiglio.regione.toscana.it/articolo?urndoc=urn:nir:regione.toscana:legge:2014-11-10;65>, avviati entro la fine del corrente anno, per effetto dell’emendamento presentato dal Partito democratico, prima firmataria la stessa presidente De Robertis, slittano di diciotto mesi.

Redazione Nove da Firenze