Tramvia per Bagno a Ripoli: altri 650mila euro dalla Regione per farla senza fili

L'assessore Ceccarelli: "Un obiettivo di primaria importanza anche a vantaggio di tutti i Comuni a sud della città". Si aggiungono ai 3.150.000 euro della stessa Regione, ai 690mila euro del Comune di Firenze e ai 120mila euro di Bagno a Ripoli


FIRENZE - Sarà 'senza fili' la linea tranviaria 3.2 Piazza della Libertà-Bagno a Ripoli. La Regione Toscana con una delibera approvata a voti unanimi dalla Giunta ha accettato di coprire per intero l'adeguamento del costo della progettazione definitiva della nuova linea e delle opere ad essa connesse, necessario soprattutto per costruire l'estensione tranviaria secondo la tecnologia 'catenary free' (cioè senza 'linea di contatto aerea' per l'alimentazione del tram) in modo da consentire un migliore inserimento nel contesto urbano. Il costo complessivo della progettazione definitiva è stato aggiornato a 3.960.000 euro. La differenza tra la prima stima dei costi e quella attuale è di 650.000 euro e sarà interamente anticipata dalla Regione Toscana.

"L'estensione a sud, verso Bagno a Ripoli, della linea tranviaria fiorentina rappresenta un obiettivo di primaria importanza per il miglioramento della qualità dell'aria e per la soluzione dei problemi legati al traffico nel capoluogo regionale - ha spiegato l'assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli - a vantaggio anche di tutti i Comuni che gravitano a sud di Firenze e che vedono quotidianamente centinaia di lavoratori e studenti entrare in città utilizzando mezzi privati. Il nostro obiettivo è dotare al più presto anche l'area a sud di un mezzo di trasporto efficiente, puntuale ed ecologicamente sostenibile come il tram, che siamo certi potrà migliorare la qualità della vita e degli spostamenti dei pendolari, così come accaduto lungo le direttrici delle linee Scandicci Careggi e Stazione-Peretola, dove l'uso del mezzo pubblico per gli spostamenti quotidiani è cresciuto oltre le migliori previsioni. Se la realizzazione questa estensione del sistema tranviario fiorentino con tecnologie più moderne ed avanzate rispetto alle precedenti, comporta un aumento dei costi ma può garantire un risultato migliore a livello di inserimento nel contesto urbano, la Regione è pronta a fare la propria parte".

A seguito della delibera approvata dalla Regione, dunque, i costi per la progettazione della linea Piazza Libertà–Bagno a Ripoli saranno coperti dalla Regione Toscana per 3.150.000 euro, dal Comune di Firenze per 690.000 euro e dal Comune di Bagno a Ripoli per 120.000 euro.

Per riequilibrare il maggior costo finanziato oggi interamente dalla Regione, i due Comuni vedranno aumentare in parte il loro contributo alle successive fasi progettuali (il Comune di Firenze per 135.000 euro, quello di Bagno a Ripoli per 24.000 euro). 

Redazione Nove da Firenze