Tramvia: dal 9 ottobre nel week end torna l'orario fino alle 2

Ritorno all'ante Covid il venerdì e il sabato. Ztl, da giovedì 1 ottobre stop all’apertura anticipata delle porte di lungarno Vespucci e via della Scala. La giunta ha deciso di non prorogare il provvedimento. Restano in vigore gli sconti per la sosta nei garage


Ritorno all’ante covid per la tramvia che, dal 9 ottobre, venerdì e sabato tornerà a circolare fino alle 2 invece che interrompere il servizio a mezzanotte e mezzo. 

Inoltre non sarà prorogata l’apertura anticipata delle due porte della Ztl del lungarno Vespucci e di via della Scala. É quanto ha deciso la giunta comunale. Da giovedì 1° ottobre quindi torna l’orario consueto rimasto in vigore nelle altre 17 porte telematiche, ovvero l’apertura al transito alle 20 i giorni feriali e alle 16 il sabato.Tornando alla ztl, il provvedimento, varato a fine agosto con una durata prevista fino al 30 settembre e dall’applicazione limitata a 2 sulle 19 porte ztl, era stato deciso per agevolare l’accesso al centro storico in una fase delicata per la vita cittadina e per le attività economiche a causa delle conseguenze della pandemia.
Pur essendo stato utile, la giunta ha ritenuto di non rinovare il provvedimento oltre il periodo inizialmente previsto. Restano invece in vigore gli sconti per lasciare l’auto in alcune autorimesse private, come il Garage Europa in Borgo Ognissanti (un euro l’ora dalle 16 alle 24). Rimanendo sui garage, si ricorda che fino al 31 dicembre la regolarizzazione dei transiti dei clienti di autorimesse commerciali in ztl è gratuita.
Confermata anche la possibilità di sostare in via straordinaria nella zona del Mercato di San Lorenzo. La giunta ha infatti deciso di prorogare la sospensione dalle 20.30 alle 24 di tutti i giorni feriali dell’area pedonale nella zona del Mercato di San Lorenzo, ovvero in via dell’Ariento, via Panicale (da piazza del Mercato centrale a via dell’Ariento) e via Sant’Antonino (da via dell’Ariento a piazza del Mercato Centrale).
Infine piazza del Carmine. Su questo tema la giunta ha rinnovato fino al 31 ottobre la sosta per i residenti dei settori A e O contestualmente alla rinnovo delle occupazioni straordinarie di suolo pubblico concesse dall’Amministrazione (i cosiddetti “sedie e tavolini”).

Redazione Nove da Firenze