Tpl Toscana: trasferimento di beni e mezzi rinviato di un mese

La pronuncia del Consiglio di Stato tarda ad arrivare e la Regione ha annunciato la proroga con una lettera alle due aziende interessate. Il sindaco di Prato Biffoni: "Ha prevalso il buon senso"


(DIRE) Firenze, 6 nov. - La pronuncia del Consiglio di Stato sulla gara sul trasporto pubblico locale tarda ad arrivare, così la Regione Toscana rinvia di 30 giorni le attività previste per il trasferimento di beni e mezzi dai gestori uscenti uniti in One scarl ad Autolinee toscane, l'azienda uscita vincitrice dell'appalto. La proroga è stata annunciata ieri con una lettera alle due aziende interessate. 

L'avvio delle attività era stato fissato inizialmente dal cronoprogramma stilato dalla Regione per l'11 novembre. Un plauso per la decisione di palazzo Strozzi Sacrati arriva dal sindaco di Prato e presidente di Anci Toscana, Matteo Biffoni: "Sulla gara - dichiara in una nota- abbiamo sempre chiesto buon senso e siamo contenti che la Regione Toscana ne stia dimostrando".

D'altronde, ricorda, "accelerare rispetto ai tempi delle sentenze prossime non avrebbe avuto senso, mentre è assolutamente ragionevole attendere il pronunciamento definitivo, quanto meno del Consiglio di Stato". (Cap/ Dire)

Redazione Nove da Firenze