TIM: atto vandalico alla banda larga di Telecom Italia S.p.A.

Da lunedì 4 aprile la posa della fibra ottica nell'alta Val di Bisenzio


E’ stato completato oggi poco prima delle 12 l’intervento di riparazione al cavo in fibra ottica gravemente danneggiato questa notte nei pressi del ponte sul fiume Magra, che collega Aulla a Podenzana, in Lunigiana. All’origine del guasto, un atto vandalico alla struttura di giunzione del cavo, che è stata divelta e ritrovata successivamente dai tecnici di TIM nelle acque del fiume. L’episodio, riguardo al quale l’azienda si riserva di sporgere denuncia, ha provocato diffusi disservizi sulla telefonia fissa e mobili in alcuni comuni della zona, a cavallo delle province di La Spezia e Massa-Carrara, tra i quali Fivizzano, Monzone, Gragnola, Aulla, Soliera, Villafranca, Barbarasco e Albiano Magra. L’allarme è scattato questa notte verso le 3 quando il centro di supervisione TIM ha registrato una interruzione al cavo che transita sul ponte del fiume Magra. L’intervento è stato immediato, con squadre di tecnici provenienti anche da Genova che si sono recati sul posto, e già nelle prime ore di questa mattina il servizio era tornata alla normalità in molti dei comuni coinvolti, per essere completamente ripristinato verso mezzogiorno.

La fibra ottica arriva nell'alta Val di Bisenzio e raggiunge anche le frazioni più piccole. Da lunedì 4 aprile in località Acqua, nel comune di Cantagallo, iniziano i lavori di Telecom Italia per la posa dei cavi lungo la strada provinciale 3. Gli interventi, che interessano il tratto dal Km 0,420 al Km 1,300, dovrebbero durare fino al 15 aprile. Per garantire la sicurezza degli operai è possibile che nel tratto interessato dai lavori sia attivato il senso unico alternato regolato da semaforo o movieri.

Redazione Nove da Firenze