Tampona un ciclomotore e scappa: era agli arresti domiciliari

Nella mattinata di ieri 14 luglio 2015, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Firenze sono intervenuti in Piazza Ferrucci


Dopo un tamponamento tra un autoveicolo ed un ciclomotore, il conducente dell’auto si era dato alla fuga senza prestare soccorso alla vittima, una 26 enne del luogo, che, in seguito alla caduta, aveva riportato escoriazioni multiple e traumi contusivi, guaribili in gg.7.

Nel corso degli accertamenti i militari sono riusciti a risalire al numero di targa dell’auto e si sono recati presso la residenza del proprietario, dove hanno trovato l’auto da ricercare recante danni compatibili con il sinistro in questione e rintracciato un 41 enne, pregiudicato, sottoposto al regime degli arresti domiciliari autorizzato ad allontanarsi dal proprio domicilio per recarsi esclusivamente al Sert di via L. il Magnifico, che ha ammesso di aver causato il sinistro in questione.
Gli operanti, dopo aver ricostruito i fatti, hanno inoltre accertato che il prevenuto, oltre ad aver omesso di soccorrere la vittima del sinistro dallo stesso causato, aveva anche violato le specifiche prescrizioni impostegli dal Tribunale di Firenze perché al momento dell’incidente si trovava fuori itinerario rispetto a quello autorizzato.

Pertanto il prevenuto veniva accompagnato presso gli uffici del Comando, dove veniva dichiarato in stato di arresto e, dopo le formalità di rito, veniva trattenuto in camera di sicurezza a disposizione dell’A.G. 

Redazione Nove da Firenze