Rubrica — Siena Calcio

Siena sprecone? Ci pensa Guidone! Battuta la Giana Erminio

Gol di D’Auria nel primo tempo. Pareggio dei padroni di casa con Perna. Rete decisiva di Guidone. Ancora una vittoria esterna per la Robur


SERIE C - GIRONE A — Questa è la storia di un match che avrebbe dovuto essere chiuso con congruo anticipo e senza troppi patemi. Invece, come avviene spesso ultimamente, la Robur si complica la vita. Mister Alessandro Dal Canto, sul sito ufficiale della società, sintetizza così: “Nel secondo tempo siamo andati meglio ed avevamo l’obbligo di chiudere prima la partita, la Giana è stata in partita fino alla fine e se un episodio cambia l’andamento poi ci raccontiamo la solita filastrocca”.

Ha ragione l’allenatore. Il Siena più tecnico della stagione e quello più appuntito con dentro, dal primo minuto, D’Auria, Cesarini, Serrotti e Guidone porta via tre punti da Gorgonzola: meritati quanto sudati, importanti per la classifica quanto fondamentali per il morale. La Giana Erminio ha il merito, non banale, di crederci fino alla fine, di raggiungere il pari per poi arrendersi ad un avversario che, comunque, si dimostra superiore. Un atteggiamento che servirà, come il pane, per raggiungere l'obiettivo salvezza. 

Il calcio da, il calcio prende. Rischia dunque di dare un calcio alla vittoria un Siena che, al minuto numero 8,  sblocca la contesa con lui, il richiesto D’Auria, che appoggia in rete comodamente di testa dopo una respinta del portiere Marenco su ottima conclusione, da destra, di Cesarini. Diciamo richiesto perché era stata un po’ la piazza, dopo le sue ultime ottime prestazioni, a volerlo vedere in campo fin dal fischio di inizio. Al 28’ occasionissima Robur con Cesarini che, solo, si fa ipnotizzare dall’estremo difensore di casa. Dopo due minuti è Guidone, servito splendidamente da D’Auria, a sprecare mandando di poco al lato da ottima posizione. Reazione della Giana Erminio al 35’ con Pinto che, di destro, impegna Confente. Si va al riposo. 

Pronti via e lampo di Cesarini. Tiro di poco al lato. Fiammata al 13: traversa a porta vuota ancora per Cesarini. Sul rovesciamento di fronte, para bene Confente su Remedi. Ancora Siena: ci prova Guidone con un destro che, deviato, si spegne di poco al lato. A questo punto succede ciò che non ti aspetti: sugli sviluppi di una punzione da sinistra, Perna colpisce di testa e trova la rete del 1-1. Tutto da rifare per D’Ambrosio e soci. Al 25’ punizione velenosa di D’Auria: Marenco vola e dice di no. Al 80’ Guidone decide di farsi perdonare gli errori e mette dentro di testa la palla che vale i tre punti: assist di Lombardo. I 4 minuti di recupero non cambiano nulla. Finisce 1-2.

Titoli di coda nel commento del mister: “Il Monza è nettamente superiore alle altre ed andrà in serie B, per il resto le altre si giocano un posto di rilievo nei playoff e noi ci vogliamo giocare il posto migliore, per farlo dobbiamo trovare continuità in casa”.

Ecco la parola magica: tornare a vincere in casa. Solo da questo passaggio fondamentale giunge la strada maestra per far davvero bene. Intanto la Robur si consola: il secondo posto dista poco e il Monza è lontano ma il campionato è ancora lungo. Chissà.

nella foto l'autore della rete decisiva Guidone

Siena Calcio — rubrica a cura di Giuseppe Saponaro

Giuseppe Saponaro

Giuseppe Saponaro — Pugliese di origine e senese di adozione è giornalista pubblicista, operatore dell'informazione nel pubblico impiego e scrittore. Potete scrivergli a tonio.saponaro@virgilio.it

E-mail: tonio.saponaro@virgilio.it