Sicurezza stradale, ancora veicoli “pizzicati” senza assicurazione

Continuano i controlli della Polizia Municipale: fermati e multati anche due conducenti con la patente scaduta. Forza il bloccaruote e si allontana con l’auto, rintracciato e denunciato dalla Polizia Municipale. Il fatto risale all’inizio di dicembre. Il veicolo era stato sanzionato per la pulizia delle strade


Sei veicoli senza assicurazione e due conducenti con patente scaduta. Sono queste le violazioni rilevate dalla Polizia Municipale nel corso di alcuni controlli effettuati negli ultimi giorni anche nell’ambito della verifica dell’ordinanza anti smog. Sono risultati privi di copertura assicurativa un autocaravan fermato in viale dei Cadorna, due auto “pizzicate” in via Galluzzi e via Accademia del Cimento, altrettanti ciclomotori in sosta in via di Peretola e un motociclo controllato in viale Redi. Per i conducenti è scattata la sanzione da 868 euro con taglio di 5 punti/patente e il sequestro del mezzo.

Ammonta invece a 168 euro la sanzione elevata all’automobilista fermato in viale Aleardi con una patente risultata scaduta dal 2015. All’uomo era stata prescritta la visita medica per verifica dei requisiti fisici alla quale però non si è mai presentato. Per lui è scattata anche la revoca della licenza di guida. Sempre in viale Aleardi gli agenti della Polizia Municipale hanno fermato un uomo alla guida di un ciclomotore con patente scaduta (sanzione da 158 e ritiro del documento).

Aveva forzato il bloccaruote e si era allontanato con l’auto ma è stato rintracciato e denunciato dalla Polizia Municipale. Il fatto risale all’inizio di dicembre quanto gli agenti avevano multato un veicolo lasciato in sosta durante la pulizia delle strade. La vettura era stata rimossa, portata in piazza Artom e lì bloccata con le ganasce. Il conducente però invece di seguire la procedura prevista in questo caso, ha pensato bene di forzare il bloccaruote per liberare l’auto e si è allontanano lasciando il dispositivo aperto in mezzo alla piazza. Gli agenti del Reparto di Rifredi, dopo la segnalazione della Sas, si sono attivati e grazie alla targa hanno rintracciato il proprietario del veicolo, un uomo residente fuori Toscana. Grazie alla collaborazione della Polizia Municipale della città di residenza del proprietario, gli agenti hanno scoperto che l’uomo aveva dato l’auto in uso al figlio residente a Firenze. Il giovane è stato rintracciato e ha ammesso le proprie responsabilità tentando di giustificarsi con la mancanza del denaro sufficiente per la procedura di sblocco (110 euro). Per lui è scattata una denuncia per danneggiamento.

Redazione Nove da Firenze