"Scuole aperte l'ultimo giorno, netto no"

Draghi (FdI) a Nardella: “A quanto pare è la scienza a dire no a far riunire i ragazzi, non l’opposizione a questo governo, Il sindaco e Funaro prendano atto che la loro era una proposta sbagliata, invece di prendersela con presidi e insegnanti”


“Da Roma arriva un netto no alla proposta della viceministro all’Istruzione Ascani subito sposata dall’assessore Funaro e dal sindaco Nardella di far riunire ragazze e ragazzi per l’ultimo giorno di scuola. A pronunciarlo non è né un ministro del governo, né (come è logico) l’opposizione, ma il comitato tecnico scientifico nominato dal governo di cui Ascani fa parte e Funaro e Nardella condividono la parte politica. Quando avevamo giudicato un’assurdità l’idea, per ovvi motivi di prudenza nel momento in cui i contagi stanno calando dopo due mesi di lockdown, evidentemente, avevamo ragione noi”. Lo dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia a Palazzo Vecchio Alessandro Draghi, che aggiunge: “non sarebbe una cattiva idea se sindaco e assessore si dedicassero a lavorare per rendere possibili i centri estivi in totale sicurezza per le famiglie fiorentine, ed evitassero di attaccare presidi e insegnanti, che come noi avevano bocciato l’idea balzana della riunione dell’ultimo giorno di scuola. Loro hanno continuato a lavorare in condizioni di estrema difficoltà in questi mesi. E, loro sì, sono stati vicini ai loro alunni avendo cura della loro formazione, nonostante le circostanze inedite”.

Redazione Nove da Firenze