Sanità ​Toscana, giovani a rischio: aumentano le malattie a trasmissione sessuale

Nella Asl Toscana Centro la stima dei colpiti da una Mst è di almeno 30mila persone


 Su circa un milione di persone sessualmente attive che insistono sul territorio della Asl Toscana Centro, la stima di coloro che hanno una Mst, una malattia a trasmissione sessuale, è di almeno 30mila persone. Sifilide, gonorrea, condilomi, Hiv, sono infezioni che in questi ultimi anni stanno registrando un forte aumento e un ritorno significativo rispetto al passato. “Nella percezione generale – ha detto Francesco Cipriani, direttore Epidemiologia, durante la trasmissione a cura della Asl Toscana centro che è andata in onda ieri a Rtv 38 e in replica questa mattina –l’Aids sembra non esserci più, quando invece c’è ancora. Le persone fanno meno uso del preservativo e così in questi ultimi anni sono tornate malattie che fino agli anni Duemila, erano molto diminuite”. “In Toscana – ha sottolineato Massimo Di Pietro, responsabile malattie infettive Prato-Pistoia, ospite insieme a Cipriani della trasmissione - ogni anno abbiamo circa 300 nuove diagnosi di infezione da Hiv”. Abbassamento della percezione del rischio e minore ricorso alle precauzioni. E a farne le spese sono soprattutto i giovani. “Sanno poco della contraccezione e fanno molta resistenza” ha dichiarato Valeria Dubini, direttore attività consultoriali e responsabile aziendale della Rete Codice Rosa. Quando diventano sessualmente attivi, i giovani usano il preservativo per controllare la possibilità di una gravidanza ma non per prevenire le malattie sessualmente trasmesse. Al crescere dell’età, del numero dei partner e dei rapporti sessuali, diminuisce l’uso del preservativo. Proprio quando il rischio di contrarre una malattia a trasmissione sessuale è, invece, più alto.

Clicca qui per vedere la puntata su Rtv38

Redazione Nove da Firenze