Rubrica — Siena Calcio

​Robur e “il senso di ogni cosa”: la presidente Durio e la sua scelta

Nelle parole dell’assessore allo sport del comune Benini la scelta che porterebbe, la presidente del Siena, a non volere uscire totalmente di scena


LEGA PRO — “Il senso delle cose” di Richard P. Feynman è un libro in cui l’autore mostra, peraltro, come spesso un’ipotesi da “quasi certamente falsa” possa diventare “quasi certamente vera” e viceversa. In questo frangente, la pubblicazione del premio Nobel statunitense parrebbe perfetta a spiegare il momento della Robur.

Infatti, proprio sul senso delle cose si è soffermato oggi l’assessore del comune di Siena Paolo Benini  (Servizi all'infanzia, Istruzione, Università e sport) che ha evidenziato: “Il senso delle cose non è uno solo ma è quello che ciascuno gli da”.

Il riferimento è alla presidente Durio che ha, al momento, detto no all’offerta armena di cessione della società che era, usando le parole dell’assessore “un’offerta che, a livello economico, risultava enormemente superiore al valore della società”. Oggi sappiamo il perché, lo ha spiegato proprio Benini: “Mettiamo che la presidente, per esempio, volesse alleggerire la sua posizione ma faccia fatica ad uscire dal mondo del calcio perché è legata ad esso o per suoi motivi personali”.

Della serie: il denaro non fa la felicità. A ribadirlo ancora Benini: “Non ci sono solo i soldi dietro le scelte personali. Ci sono coinvolgimenti diversi”.

Poi il chiarimento finale per chi non avesse compreso: “Questa società straniera chiede il 100% del pacchetto azionario: (una vendita con queste caratteristiche - ndr) non è nelle sue corde”.

La Durio dunque non vorrebbe uscire totalmente di scena. Non sappiamo i motivi della sua posizione. Ci viene da pensare che, come da lei stesso precisato in conferenza stampa, cerchi qualcuno che possa affiancare, accompagnare il suo cammino che, comunque, lei vorrebbe all’interno del futuro del Siena e non fuori da esso.

Intanto, il tempo stringe e i tifosi temono il fallimento dopo che alcune voci hanno dato la figura di Foresti lontana da Siena (e con lui la cordata italiana che era data in trattativa per rilevare il club).Un fallimento che, è bene dirlo, non converrebbe a nessuno. 

L’ultima parola della presidente Durio che abbiamo risale al 21 luglio: “confermo che l’iscrizione al campionato sarà regolarmente eseguita entro il termine previsto”.

Il resto è tutto nel “senso delle cose” che, come dice bene l’assessore, non è mai uno solo.

nella foto la presidente Durio, al Franchi, insieme a 2 piccoli tifosi

Siena Calcio — rubrica a cura di Giuseppe Saponaro

Giuseppe Saponaro

Giuseppe Saponaro — Pugliese di origine e senese di adozione è giornalista pubblicista, operatore dell'informazione nel pubblico impiego e scrittore. Potete scrivergli a tonio.saponaro@virgilio.it

E-mail: tonio.saponaro@virgilio.it