Rifiuti ingombranti: a Firenze il fenomeno dei codici falsi

Chi getta i materiali ingombranti sui marciapiedi, li accompagna con una serie casuale di numeri


 A Firenze ci sarebbero cartelli con codici di fantasia lasciati attaccati a frigoriferi, tavoli, televisori ed altri oggetti da smaltire.
Sono i numeri che il gestore del servizio ambientale Alia segnala agli utenti che fanno richiesta di un ritiro speciale e servono per tracciare ed accompagnare il materiale ingombrante abbandonato sui marciapiedi.
A parlarne in Consiglio comunale è l'assessore all'Ambiente Alessia Bettini.

“Mentre il servizio presenta sempre più problemi, l’assessore all’ambiente ci ha segnalato un altro fenomeno che sta crescendo a Firenze: la presenza di materiali ingombranti indicanti un falso numero come codice Alia di ritiro, codice che però non esiste perché in realtà il servizio non è mai stato chiamato” commenta Arianna Xekalos.
La consigliera, capogruppo del Movimento 5 Stelle prosegue “In Consiglio comunale abbiamo presentato un question time per avere delucidazioni sul servizio di ritiro ingombranti Alia. Nonostante quanto sostenuto dall’assessore all’ambiente, il servizio di ritiro ingombranti Alia non funziona. Spesso non ritira materiali in ceramica e quando i cittadini virtuosi segnalano la presenza di rifiuti gettati per strada, si sentono rispondere dal servizio con distanza settimanale, che li ha ritirati, anche se poi sono sempre lì".

Redazione Nove da Firenze