Rubrica — Spettacolo

Rick Hutton: rock al Relais Santa Croce

Giovedì 18 ottobre alle 20,30 la musica del rocker inglese accompagnata dai sapori del ristorante Guelfi e Ghibellini


Il rock invade il Relais Santa Croce con un appuntamento unico, con protagonista l’eclettico Rick Hutton. La sua è una storia degna di un copione cinematografico, che trasforma in uno spettacolo che coinvolge il pubblico, diverte ed emoziona.

Hutton sarà in concerto con la sua band (Johnny Wind e Andrea Checcucci alla chitarra e voci, Matteo Sodini alla batteria e percussioni) nella Sala della Musica dello storico palazzo di via Ghibellina giovedì 18 ottobre alle 20,30.

L'evento sarà accompagnato dai sapori preparati dallo chef del Ristorante Guelfi e Ghibellini.

L'appuntamento col rock è uno degli eventi della stagione di eventi del Relais Santa Croce: l'hotel 5 stelle apre le porte delle sue sale e stanze per momenti di musica, teatro, arte. Un salotto inusuale e affascinante in un palazzo ricco di storia e architettura a pochi passi da piazza Santa Croce che offre al pubblico piccoli e grandi spettacoli ad alto coinvolgimento.

Nato a Liverpool, trasferitosi a Londra da adolescente agli inizi degli anni '60, subisce l'influenza dei Beatles, dei Rolling Stones, degli Who e di tutti i gruppi dell'Olimpo musicale inglese dell'epoca. La sua prima band "Laurel Canyon" fa garage blues e si muove nei quartieri londinesi di Beckenham, Bromley e Sidcup. A vent'anni ha già vissuto esperienze diametralmente opposte: dall'anno passato con i figli dei fiori sulle spiagge della Grecia, alla laurea in sociologia ed economia conseguita alla Kent University. A fine anni '70 lascia un'Inghilterra all'inizio dell'era thatcheriana per il sogno di una nuova vita in Australia; partito a bordo di una Mini con l'amico Clive, il viaggio si interrompe in Italia in seguito al furto del bagaglio. I due si fermano in Toscanadove Rick mette insieme la sua prima band italiana "The Groove", col chitarrista Gorby Maraccini. Il successo per "Rick & Clive" arriva con le nascenti tv private interamente dedicate alla musica: a metà anni '80 Video Music e Super Channel danno loro una grande popolarità nella veste di conduttori televisivi. Nell'89 arriva il primo album del cantante inglese: "Rick Hutton" (Polygram/kindergarten records). Seguono poi l'attività di presentatore di festival soul, R&B e blues, la fondazione della rock/blues band dei Tracks, e la pubblicazione del secondo disco "What's the silence about" (1994, Ricordi international). Tra il '98 e il 2003 Hutton gira il mondo alla ricerca di musica etnica per il suo programma "Music Travel" su Stream Tv, ed ha l'occasione di realizzare una serie di interviste ai Rolling Stones per RaiUno. Come musicista Hutton colleziona collaborazioni prestigiose: Billy Preston è suo ospite durante una tournée nel '94 sulla costa adriatica; nello stesso perdiodo improvvisa un duetto blues con Joe Cocker di passaggio a Roma col suo world tour del '95-'96; nel '97 è sul palco in Florida con i Temptation per cantare "My girl"; al festival di Poretta, Hutton approfitta del suo ruolo di padrone di casa per cantare "The blues is alright" con Wilson Pickett e Rufus Thomas.

Il concerto al Relais Santa Croce il 18 ottobre avrà inizio alle 20.30; euro 25,00 a persona spettacolo e consumazione, euro 55,00 a persona con spettacolo, consumazione e cena con menù dedicato

Per informazioni e prenotazioni: Relais Santa Croce, via Ghibellina 87, Firenze 055.2342230

events.santacrocefirenze@baglionihotels.com

Redazione Nove da Firenze