Pradè e Barone hanno incontrato Chiesa padre: "Dialogo aperto"

Ph Alex Zani

Il ds: "Enrico non ha chiesto la cessione, Federico parlerà al momento opportuno. Come sta? Ha un problema all'adduttore". La patata bollente è sul piatto e il patròn Commisso, appena arrivato a Firenze, parlerà presto con il giocatore e soprattutto con il padre procuratore (che ancora non conosce). Su Pedro: "Nessun caso". Ranieri: contratto prolungato fino al 2024


FOTOGRAFIE — Rocco Commisso è arrivato a Firenze ma prima di parlare con i Chiesa, padre e figlio, ha lasciato che lo facessero i suoi uomini di fiducia, Joe Barone e Daniele Pradè, che stamani hanno incontrato il padre-manager del giocatore, Enrico. "E' stato un incontro positivo - ha detto Pradè - ci siamo detti tante cose e c'è voglia di dialogare. Non mi aspettavo neanche io che ci fosse questa apertura. Noi siamo la società, c'è un contratto di due anni e mezzo e quindi tutta questa frenesia non c'è. Adesso stiamo tenendo sotto controllo l'affaticamento all'adduttore, in questo momento speriamo che giochi e ci faccia vincere le partite. Il clima era abbastanza disteso, abbiamo parlato davanti a caffè, cappuccino, paste e torrone. Ci sarà il momento giusto che parlerà anche Federico, ora però siamo in un momento di difficoltà, c'è bisogno che lui faccia gol. Oggi dovevamo guardarci negli occhi. Se abbiamo parlato di un'eventuale cessione? No. Chiediamo fiducia e pazienza, lo abbiamo detto fin dall'inizio di questa stagione"

Per quanto riguarda Pedro, Pradè ha detto che non c'è alcun caso. Se in questo momento non gioca, è perché il brasiliano è reduce da un infortunio e deve ancora abituarsi al nostro stile di vita e di allenamenti.

Rocco Commisso, dopo un po' di riposo in hotel, ha ribadito che nei prossimi giorni parlerà con Enrico Chiesa, che ancora non conosce.

Altre due notizie: capitan German Pezzella starà fuori per tre settimane dopo l'operazione allo zigomo e il contratto del giovane Luca Ranieri è stato prolungato fino al 2024.

Redazione Nove da Firenze