Porto di Livorno: nasce il gruppo Cft-Cpl

L'assemblea dei soci della Compagnia dà il via libera all'unanimità all'unione con la cooperativa di logistica integrata e global service


Via libera alla creazione di un gruppo paritetico tra la Compagnia Portuale di Livorno e la Cft, la cooperativa toscana che è una delle aziende leader in Italia nel settore dei trasporti e della logistica. L'obbiettivo di fondo è offrire al cliente finale una gamma integrata di servizi che vada dal porto alla logistica di terra.

Ieri l'assemblea dei soci della Compagnia ha votato all'unanimità a favore della costituzione del gruppo cooperativo paritetico, che avrà durata fino al 31 dicembre 2050.
Il “governo” del gruppo sarà affidato a un comitato direttivo, che sarà composto da due rappresentanti di Cpl e due di Cft e le cui decisioni saranno vincolanti per entrambe le imprese.

La nascita del gruppo paritetico è l'evoluzione dell'accordo siglato ad inizio anno tra le due cooperative toscane, una partnership commerciale, operativa e organizzativa che ha prodotto anche il Piano industriale 2014-2017, approvato nel luglio scorso dall'assemblea dei soci di Cpl. Tra gli obbiettivi principali del Piano, la ristrutturazione finanziaria, economica e di governance della Compagnia e un'integrazione commerciale che porti sviluppo e diversificazione delle attività core delle due cooperative.

In Cft sono occupati 2300 soci-lavoratori. Recentemente l'impresa con sede a Firenze ha incorporato L'Arca di Cascina e la Cooperativa Trasporti Fiorentini, creando la cooperativa di servizi più grande della Toscana. La fusione consente di rispondere nel migliore dei modi alle nuove sfide – in particolare per quanto riguarda le dimensioni aziendali – poste dal mercato del global service, dando la possibilità a Cft di conquistare uno spazio importante nei settori dei servizi per l'ambiente e il facility management (pulizie, manutenzioni, portierato, ecc.).

La Compagnia Portuale di Livorno ha 380 soci-lavoratori. E' il primo operatore del Porto di Livorno e ha chiuso il 2013 con un fatturato aggregato di oltre 36 milioni di euro. CPL ha una partecipazione nel Terminal Darsena Toscana (container) e nel terminal “Autostrade del mare”. Oltre al lavoro portuale, il gruppo opera anche in campo ambientale, dell'energia e del refrigerato. La principale controllata della Compagnia, la Cilp, è inoltre leader nazionale per l'importazione di cellulosa e automobili nuove, che distribuisce in tutta Italia attraverso un'impresa partner che opera sulla piattaforma del Faldo.

Redazione Nove da Firenze