Portano a spasso i cani dei padroni in quarantena, Firenze li ringrazia

Piantati e dedicati ai volontari due alberi, una magnolia e un liriodendro, al Parco degli animali di Ugnano


Al Parco degli animali una magnolia e un liriodendro per dire grazie ai volontari che portano a spasso i cani delle persone in quarantena. Sono stati messi a dimora oggi al canile rifugio di Ugnano alla presenza dell’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re, dei dipendenti del parco e dei volontari delle associazioni Sics Firenze (Scuola cani di salvataggio) e Ata – Pc Firenze (Tutela ambiente animali e Protezione civile). Sugli alberi sono state apposte due targhette di ringraziamento per i volontari che dal novembre scorso svolgono il servizio, coordinato dal Parco degli animali, per i proprietari in quarantena che a causa del Covid non possono uscire dalle proprie abitazioni.

“Abbiamo voluto ringraziare i volontari per un servizio di grande valore – ha detto l’assessore Del Re -, svolto con spirito di comunità e solidarietà in un momento di forte difficoltà. Un servizio per andare incontro ai padroni contagiati o in quarantena che non possono prendersi cura del proprio animale domestico e garantire le uscite quotidiane ai loro amici a quattro zampe. Abbiamo scelto allora di ringraziare le associazioni Sics e Ata-Pc coinvolte nel servizio mettendo insieme a dimora due nuovi alberi nel bellissimo parco di Ugnano, dove gli animali trovano un ambiente sempre più accogliente. Rimaranno a futura memoria di questo gesto di grande generosità e solidarietà, dove l’amore per gli animali è stato più grande anche del timore del contagio”.

Le due associazioni, coordinate dai dipendenti del parco che ricevono le segnalazioni, garantiscono le uscite ai cani dei proprietari in quarantena. Sics e Ata hanno convenzioni attive con il Comune di Firenze: la Sics svolge negli spazi del Parco degli animali attività di addestramento, prevalentemente invernale e in piscina, con i cani impiegati nel salvataggio sulle spiagge toscane; Ata – Pc svolge attività di controllo sul territorio con le guardie zoofile per prevenire e sanzionare comportamenti contrari alle norme del regolamento Tutela animali, come i casi di cani portati fuori senza guinzaglio, mancata raccolta di deiezioni canine e segnalazioni di maltrattamenti. Presso il Parco degli animali è disponibile inoltre il servizio di ospitalità gratuita per i cani di proprietari che sono pazienti Covid o in quarantena. Il servizio è accessibile anche ai cittadini dei 16 comuni contermini convenzionati con il Parco degli animali per il servizio di canile rifugio. Per richiedere i servizi è possibile chiamare in orario di ufficio il numero 0557352018 o inviare una mail all’indirizzo adozioni.animali@comune.fi.it. 

Redazione Nove da Firenze