Rubrica — Empoli Calcio

Pordenone vs Empoli 0-0 Tante occasioni per entrambe ma è solo un pari

facebook

Diaw l’uomo più pericoloso del Pordenone. L’Empoli ottiene un buon pari in trasferta da cui partire per giocarsi tutte les chances per un campionato da protagonista, un campionato che sta incominciando a delinearsi acquisendo sempre di più una propria identità di cui l’Empoli dovrà prendere atto.


I ragazzi di Dionisi non agganciano la Spal, per il momento seconda in classifica, raggiungendo quota 19 punti insieme a Lecce e Frosinone. Il Pordenone parte subito forte tanto che , dopo 15 secondi scarsi, costruisce la migliore occasione del primo tempo con Davide Diaw che, con una mossa felina, soffia il pallone a Romagnoli impegnando subito il portiere Furlan, al suo esordio in questo campionato. L'Empoli reagisce prima con Matos, poi con La Mantia, anche se la squadra di Tesser impone il proprio gioco nei primi venti minuti. Nella seconda parte del primo tempo il ritmo cala tanto che l’Empoli ne approfitta facendosi vedere spesso vicino alla porta di Perisan il cui pericolo maggiore arriva al 35' quando Casale di testa lo costringe ad una super parata. Negli ultimi minuti ancora Empoli con La Mantia che ha due ghiotte occasioni , una in tuffo e una di testa, tutte e due di poco fuori.

Finale primo tempo: Pordenone 0 Empoli 0.

In avvio di ripresa il Pordenone replica l’inizio del primo tempo. Al 52’, su una ripartenza che è seguita ad uno scontro in area tra Mancuso e Camporese (tutto regolare per Pairetto), Diaw va ancora una volta vicino al gol anche se il suo esterno destro, vicinissimo a Furlan, finisce a lato. L’attaccante nero- verde cerca di ritrovare il gol (a secco da un mese) anche se non si accorge che la soluzione migliore potrebbe trovarsi in un compagno vicino e non pensare di fare tutto da solo, tanto che al 78’ è Calò che sfiora il vantaggio. L’Empoli si rende molto pericoloso nel finale con Zurkowski dove Perisan supera stesso per salvare la sua porta.

I tentativi messi a segno da entrambe le parti sono senza esito, bloccati nelle intenzioni anche se al Teghil si è assistito ad una bella gara, molto combattuta nonostante il fatto che alla vigilia, nell’Empoli , il Covid-19 si sia manifestato in modo asintomatico in alcuni effettivi  facendo si che si inserissero nuove pedine nello scacchiere dell’Empoli e soprattutto in modo inaspettato. Buona gara dell’Empoli in vista della prossima gara in trasferta a Chiavari, con la Virtus Entella.

PORDENONE (4-3-1-2) – Perisan; Berra (69′ Bassoli), Vogliacco, Camporese, Chrzakowski; Magnino, Calò, Pasa (88′ Scavone); Ciurria (88′ Mallamo); Diaw, Musiolik (64′ Butic).

A disposizione: Bindi, Passador, Stafani, Bansa, Misuraca, Zammarini, Rossetti.

Allenatore: Tesser

EMPOLI (4-3-1-2) – Furlan; Casale, Romagnoli, Nikolaou, Parisi ( 79′ Cambiaso); Bandinelli, Stulac , Ricci ( 46′ Mancuso); Haas; Matos (79′ Zurkowski), La Mantia (60′ Olivieri 6).

A disposizione: Pratelli, Biagini, Damiani, Pirrello, Baldanzi, Viti.

Allenatore: Dionisi 6.

ARBITRO: Pairetto

AMMONITI: Berra ; Ricci, Haas

Le parole di mister Dionisi al termine di Pordenone-Empoli

Empoli Calcio — rubrica a cura di Franca Ciari

Franca Ciari

Franca Ciari — Giornalista pubblicista di formazione classica giuridico-economica (commercialista laureata all'Università degli Studi di Siena). Vive a Empoli e si occupa di calcio dal 2008, in particolare della squadra di casa , protagonista da 30 anni della scena italiana del pallone professionistico

E-mail: francaciari@gmail.com