Parcheggi interrati, il caso dei bandi andati a vuoto a Firenze

Falliti i tentativi per Porta Romana, via dei Renai, piazza Galileo Ferraris e via dei Sette Santi. Palagi e Bundu (Sinistra Progetto Comune): “Questa logica sarà superata? Tutto ciò dovrebbe spingere la Giunta a smetterla di ripetere i suoi errori". No anche al Cestello dopo piazza Brunelleschi?


“Eliminata l’ipotesi di un parcheggio interrato in piazza Brunelleschi attendiamo che finalmente si escluda quella per piazza del Cestello, per poi magari superare definitivamente – spiegano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – una logica superata e inadeguata al presente.

L’ennesimo bando a vuoto per Porta Romana, via dei Renai, piazza Galileo Ferraris e via dei Sette Santi dovrebbe spingere la Giunta a smetterla di ripetere i suoi errori.

Si pretenda una gestione chiara e una programmazione per il trasporto pubblico locale, si apra un ragionamento sui parcheggi già presenti in città e sotto utilizzati, ci si confronti con i comitati di cittadinanza attiva per immaginare una visione all’altezza del XXI secolo, sostenibile per l’ambiente e per chi vive il territorio.

Lunedì – concludono i consiglieri Palagi e Bundu – chiederemo conto dell’orientamento di cui è stato scritto sulla stampa di oggi, di fare un parcheggio non riservato alla popolazione residente per realizzare almeno una struttura in via dei Renai. Ci diranno che lo fanno per la popolazione residente?”. 

Redazione Nove da Firenze