Padule di Fucecchio: il censimento degli uccelli acquatici svernanti del 2019

Con oltre 15.000 presenze, diventa la prima area umida toscana. Visita guidata gratuita con birdwatching, domenica 10 febbraio, alla Riserva Naturale Regionale Oasi della Contessa


VIDEO — Il censimento degli uccelli acquatici svernanti nel Padule di Fucecchio, che si è tenuto a metà gennaio, ha dato quest’anno un risultato straordinario: oltre 15.000 presenze, che collocano il Padule al primo posto fra le aree umide di tutta la Toscana. Il censimento, promosso a livello di grande regione biogeografica da Wetlands International e svolto in Italia sotto l’egida dell’ISPRA, nel Padule di Fucecchio è organizzato dal Centro Ornitologico Toscano con il supporto locale del Centro di Ricerca e ha coinvolto quest’anno 9 rilevatori abilitati dall’ISPRA, con il supporto di 20 collaboratori. Nel corso del censimento sono state rilevate ben 29 specie diverse per un numero complessivo di 15156 uccelli, fra cui spiccano le Alzavole (10896) per le quali il Padule si conferma ancora una volta come l’area più importante della Toscana. Interessanti anche i numeri per altre specie di anatidi (per esempio 180 Moriglioni e 14 Volpoche) e per il Beccaccino (286); non sono mancati gli avvistamenti di specie rare come la Cicogna bianca e il Mignattaio (con un numero record di 73 esemplari). Analizzando i dati per aree, si vede che 11983 uccelli acquatici (il 79 per cento del totale) sono stati rilevati all’interno della riserva naturale pistoiese che come è noto rappresenta il 10 per cento della superficie del Padule: 5181 nell’area de Le Morette e ben 6802 nell’area La Monaca-Righetti. Più in generale, buone le presenze di uccelli acquatici anche nell'Oasi di Protezione della Paduletta di Ramone e del Pratone (1610 esemplari), seguita dalla Riserva e zona di protezione fiorentine (353). Dal censimento nel Padule di Fucecchio arriva quindi una ulteriore conferma del valore naturalistico della più grande palude interna italiana e della gestione tecnico-scientifica dell'area protetta. Al risultato eccezionale del censimento hanno in parte contribuito cause contingenti: la carenza d’acqua e la copertura del ghiaccio in altre zone umide toscane probabilmente hanno spinto una quota di uccelli acquatici dalle aree vicine verso il Padule. E’ importante però rilevare come la Riserva Naturale del Padule di Fucecchio, perfettamente allagata, presentasse le migliori condizioni ambientali per accogliere questi uccelli; il dato fornisce quindi chiare indicazioni e un forte incoraggiamento sull'efficacia delle attività di gestione dell’area protetta. Per informazioni è possibile rivolgersi presso il Centro R.D.P. Padule di Fucecchio (tel. 0573/84540, e-mail fucecchio@zoneumidetoscane.it).

Domenica 10 febbraio mattina l’Associazione Culturale GAIA ripropone la visita guidata gratuita con birdwatching, appuntamento di apertura del calendario 2019 di iniziative "In punta di piedi in Natura", nella Riserva Naturale Regionale Oasi della Contessa, piccola e delicata zona umida protetta situata a Stagno, all'interno della Tenuta Bellavista Insuese. Programma: ore 10:00 partenza visita guidata (gratuita) con birdwatching per grandi e piccini, tra storia, natura ed antichi mestieri legati alle acque, con sosta al nuovo osservatorio-natura, con canocchiali a disposizione per il birdwatching. In oasi in questo momento sono osservabili le oche selvatiche, diverse specie di anatre (germani, alzavole, canapiglie, mestoloni), tuffetti e svassi piccoli, folaghe, falchi di palude, pavoncelle ed altre specie. Appuntamento 9,50 parcheggio riserva (accesso da cancello di ingresso Tenuta Insuese in via Aiaccia 78 Stagno). Partenza gruppo ore 10,00. Si consiglia abbigliamento da escursione e stivali di gomma. Le prenotazioni chiudono al raggiungimento del numero massimo di partecipanti: 338-5259192 (ore serali, o messaggio whatsapp), email asscultgaia@gmail.com.

Redazione Nove da Firenze