Olimpiadi Firenze-Bologna 2032: si lavora già al Comitato promotore

foto Agenzia Dire

Nardella: "Servono personalità di rilievo nazionale e internazionale. Le Olimpiadi sono soprattutto una grande occasione per realizzare opere utili ai cittadini. Guai a fare cattedrali nel deserto"


(DIRE) Firenze, 12 set. - "Come ha detto giustamente ieri il sindaco Merola, una delle prime cose che dovremo fare è mettere in piedi un comitato promotore, con personalità di rilievo nazionale ed internazionale". Lo spiega il sindaco Dario Nardella, a margine dell'inaugurazione del caffè letterario del Conventino, in Oltrarno, a proposito della candidatura di Firenze e Bologna alle Olimpiadi del 2032.

Lo stesso Nardella, a 'Caterpillar AM' su Radio 2, dice: "Le Olimpiadi ormai non possono essere solo una vetrina di eventi, ma una grande occasione per realizzare opere che restino sul territorio, servano i cittadini: penso alle infrastrutture per la mobilità e anche a luoghi di socialità. Guai a realizzare impianti sportivi mastodontici, cattedrali nel deserto che, finite le manifestazioni internazionali, non servono più a nulla".

Per il primo cittadino, le stelle polari del progetto dovranno essere "la sostenibilità" e "la capacità di realizzare opere utili per la vita della città".

Redazione Nove da Firenze