Nuova sede di Casa Pound: mobilitazione a Scandicci

Arci: “Invitiamo la cittadinanza a unirsi a noi. Vogliamo far sentire la voce dei cittadini che si oppongono alla concessione di spazi"


L’appuntamento è per sabato 12 maggio alle 15.30, davanti al Circolo Arci di San Giusto, insieme al Comitato Antifascista di Scandicci, organizzato da Arci, Anpi e Cgil, Pd, Si, MdP di Scandicci, per far sentire la voce delle cittadine e dei cittadini contro l’apertura a Scandicci contro l’apertura della sede di Casa Pound nella via intitolata al comandante Gappista Elio Chianesi.

La sede della formazione neofascista aprirà domani alle 16 e, spiegano dal Circolo Arci “Invitiamo la cittadinanza a unirsi a noi. Vogliamo far sentire la voce dei cittadini e delle cittadine che si riconoscono nei valori della Costituzione, e che per questo si oppongono alla concessione di spazi di un movimento neofascista a cui chiediamo che le Istituzioni non diano legittimità. È necessario difendere i principi su cui si è nata la Repubblica”.

Questa difesa passa anche attraverso iniziative come quella di sabato pomeriggio, in cui musica, arte, memoria e – soprattutto – lo stare insieme, sono le armi migliori per combattere l’avanzata dei populismi e delle forze fasciste, che, invece, si nutrono dell’indifferenza dei cittadini e dell’ignoranza. In piazza ci saranno anche cori popolari e musica con il Coro DisinCanto nato nel 2010 all’interno della Casa del Popolo di Vingone e, dalle 18.30, un buffet offerto dal Circolo Arci San Giusto.

Redazione Nove da Firenze