Natale: sciopero del commercio in Toscana

foto Agenzia Dire

Astensione dal lavoro anche il 26 dicembre, Santo Stefano, il primo dell'anno e la Befana. Manifestazione a Firenze di fronte al Carrefour Express che resterà aperto


(DIRE) Firenze, 23 dic. - "Il Governo aveva promesso la modifica della legge Monti con l'individuazione delle festività con l'obbligo di chiusure per tutti e la reintroduzione della chiusura per le domeniche. Eccoci di nuovo alle festività natalizie, ma nulla è cambiato". Lo sottolineano Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil della Toscana proclamando lo sciopero e l'astensione dal lavoro a Natale e il 26 dicembre, Santo Stefano, ma anche il primo dell'anno e la Befana. 

I confederali, quindi, il 25 dicembre a Firenze manifesteranno "di fronte al Carrefour Express, perché aperto". I sindacati ribadiscono il "no al sempre aperto", perché "il commercio non è un servizio essenziale". Inoltre chiedono all'esecutivo di recepire la proposta unitaria delle sigle presentata in Commissione Lavoro. Cgil, Cisl e Uil chiudono sottolineando "quanto molte sentenze hanno sancito: il lavoro nelle festivita' civili e religiose individuate dal contratto nazionale non e' un obbligo".

(Dig/ Dire)

Redazione Nove da Firenze