Nardella: "Nessuna scissione in vista nel Partito Democratico"

Il sindaco di Firenze a La7: "Zingaretti ha accolto la proposta di Renzi e Franceschini, portando avanti un negoziato difficile. Ora è nato un esecutivo da un accordo politico di governo serio, non da un contratto"


(DIRE) Firenze, 6 set. - "Penso che siano in tanti ad avere il merito di questo governo, sicuramente tutto il gruppo dirigente del Pd. Devo dire, non senza un pizzico di ironia, che non vedevo da tanto tempo il mio partito unito. E questo dimostra che senza gli scontri personali i risultati si ottengono. Se il governo lavora bene e porta risultati, aumenta il proprio consenso, il Pd ne guadagna, non vedo perché si debba dividere e debbano nascere scissioni. Certamente non vedo scissioni all'ordine del giorno". Lo afferma il sindaco di Firenze, Dario Nardella, commentando all'Aria che tira su La7 la formazione del nuovo esecutivo M5S-Pd e la possibilità nei prossimi mesi che si realizzi una scissione da parte di Matteo Renzi dai dem. "Anche il segretario Zingaretti - prosegue - ha fatto un ottimo lavoro, che ha raccolto la proposta di Franceschini e Renzi e ha portato avanti un negoziato difficile che si è concluso in due settimane, mentre il governo 5 Stelle e Lega ha impiegato tre mesi per nascere". 

"Secondo me - è ancora il pensiero di Nardella - non bisogna perdere tempo a chiederci quanto dura il nuovo governo. Durerà se farà le cose che deve fare, se produce risultati. Da questo punto di vista l'alleanza politica fra Pd e M5S potrà maturare solo in un secondo momento, sono aspetti diversi. Adesso - aggiunge- nasce un esecutivo da un accordo politico di governo serio, non da un contratto. Se questo accordo può rappresentare l'inizio di un progetto politico penso che sia prematuro dirlo. Ciò che conta è fare le cose".

Secondo Nardella il nuovo esecutivo avrà un profilo politico simile al carattere del neocommissario europeo Paolo Gentiloni: "Mi pare un po' il tratto di questo governo: sobrio, serio, concreto e sarà molto, molto più visibile la differenza con l'opposizione che purtroppo non ha smesso il proprio tono, lo abbiamo visto da queste dichiarazioni, dalle offese alla Bellanova per la sua immagine estetica che sono inaccettabili".

(Cap/ Dire)

Redazione Nove da Firenze