Nardella a Madrid e Barcellona: in programma incontri con politici e magistrati sul caso Niccolò Ciatti

Firenze è riuscita ad arrivare nella rosa delle 7 città candidate al premio “World Smart City Awards 2018” che sarà assegnato a Barcellona il 14 novembre


Oggi e domani, 13 e 14 novembre, il sindaco Dario Nardella è in missione in Spagna per partecipare al Congresso Mondiale Smart City Expo di Barcellona, una delle più importanti rassegne a livello mondiale delle città smart: per questa edizione sono previsti oltre 20.000 visitatori, rappresentanti di 700 città da 120 Paesi del mondo (www.smartcityexpo.com).

Dopo aver ottenuto il primo posto a livello nazionale per Trasformazione Digitale nello iCityRate 2018, la classifica delle smart cities italiane (seconda smart city dopo Milano nella classifica complessiva), Firenze è riuscita ad arrivare nella rosa delle 7 città candidate all’ambitissimo premio “World Smart City Awards 2018” che sarà assegnato a Barcellona il 14 novembre. Il modello di innovazione digitale di Firenze l’ha portata a competere, per il premio finale, con città del calibro di Melbourne, Londra, Singapore, Digione, Santiago del Cile, Haifa (www.smartcityexpo.com/en/awards).

Il progetto con cui si è candidata Firenze è denominato “SmartGovernance in action. Connecting minds-creating the future: experience today the city of tomorrow”, rappresentazione di quanto la città sta facendo nelle varie iniziative di innovazione digitale, ad esempio con il progetto smart city “Replicate”, che prevede tra le altre cose la realizzazione della Smart City Control Room fiorentina, e col progetto Firenze Digitale basato sulla partnership pluriennale per l’innovazione con le aziende partecipate fiorentine.

Nell’occasione di questa missione istituzionale a Madrid e Barcellona, Dario Nardella nel suo ruolo di sindaco della Città Metropolitana, ha in programma una serie di incontri con le autorità politiche e giudiziarie spagnole per richiamare l’attenzione sulle vicende giudiziarie legate al caso di Niccolò Ciatti.

Oggi a Madrid il sindaco, accompagnato dall’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Stefano Sannino, si è recato alla Fiscalia General del Estado - la pubblica accusa spagnola a livello centrale - per un aggiornamento sull’istruttoria in corso per il caso Ciatti. Nell’occasione il sindaco ha ricordato anche il caso dell’incidente avvenuto nel 2016 a Freginals, nel quale persero la vita 14 studentesse, 7 delle quali italiane e 3 toscane: Valentina Gallo di Firenze, Lucrezia Borghi di Greve ed Elena Maestrini di Grosseto.

Domani, prima di intervente alla plenaria dello Smart City Expo World Congress, si recherà insieme al sindaco di Scandicci Sandro Fallani a Lloret de Mar, la città dove ha perso la vita Niccolò Ciatti. Nardella e Fallani incontreranno il sindaco di Lloret de Mar Jaume Dulsat i Rodriguez.

“Sono qui - ha detto il Sindaco Nardella - per portare la voce di Firenze sulla domanda di giustizia per Niccolò, vittima di un atto di inaudita e gratuita violenza. Per questo ho incontrato i vertici della magistratura inquirente spagnola, dai quali ho avuto rassicurazioni sull’attenzione riservata alle indagini dal fiscal competente per le indagini. Ci è stato comunicato che listruttoria è nella fase conclusiva e che all’inizio dell’anno prossimo comincera il processo. Come sindaco metropolitano seguirò con tutta l’attenzione possibile ogni fase del processo per far sentire la vicinanza delle nostre comunità e per avere giustizia”.

Redazione Nove da Firenze