Rubrica — Mostre

Museo Novecento, 8mila visitatori a settembre: da oggi la Card del Fiorentino

Disponibile presso la biglietteria la tessera per i musei al costo di 10 euro


Firenze, 1 ottobre 2019 - Continua il trend positivo per il Museo Novecento che dopo un agosto positivo, con il 30% di visitatori in più rispetto al 2018 e il 60% rispetto allo stesso periodo del 2017, chiude il mese di settembre a quota 8mila visitatori (oltre il 100% in più rispetto ai quasi 4mila del 2018), un ottimo risultato per il museo di piazza Santa Maria Novella, che vede il pubblico crescere - di mese in mese - in maniera esponenziale.

“Come ho spiegato di recente, la nostra proposta scientifica e didattica si fonda su almeno quattro punti fondamentali: valorizzazione della collezione permanente, aggiornamento a colmare le lacune che sussistono nella collezione e nella cultura generale, mediazione culturale, oltre a un importante lavoro editoriale - ha detto il direttore artistico del Museo Novecento, Sergio Risaliti -. Un lavoro costante e senza sosta, che implica uno sforzo notevole e che necessità importanti investimenti. Siamo orgogliosi dei risultati e dei riconoscimenti raggiunti che premiano la nostra realtà museale. Ricordiamo che siamo l’unica istituzione culturale in città a coniugare la doppia funzione di museo dotato di una prestigiosa collezione con quella tipica di un centro d’arte contemporanea che deve proporsi con vivacità intellettuale e coraggio di scelte. I visitatori si stanno accorgendo di questo impegno e ci stanno premiando con un numero di accessi in costante crescita. Siamo impegnati a crescere in questa direzione”.

A partire da oggi, 1° ottobre, è disponibile presso la biglietteria del Museo Novecento la Card del Fiorentino che, al prezzo di 10 euro, consente al titolare (che dev’essere residente nella città metropolitana di Firenze) l’ingresso illimitato per un anno a tutti i percorsi di visita ai musei civici e luoghi di cultura del Comune di Firenze e la fruizione di tre visite guidate, gratuite, ma su prenotazione.

Redazione Nove da Firenze